Pitti Uomo

Primo bilancio da Pitti Uomo: numeri stabili, con la Russia in ripresa

A tre giorni dall'inizio di Pitti Uomo gli organizzatori tracciano il primo bilancio della manifestazione, che si conclude domani, 13 gennaio. La previsione è di chiudere in linea con il gennaio del 2016, quando la rassegna totalizzò 24mila compratori. Vivace e qualificata la presenza di buyer, con la Russia in ripresa.

 

Germania, Giappone, Regno Unito, Francia, Spagna, Olanda, Cina e Stati Uniti sono di nuovo ai primi posti della classifica delle presenze da oltreconfine. La Russia recupera e controbilancia il calo delle presenze dalla Turchia. In leggero aumento gli arrivi dall'Europa dell'Est e del Nord mentre si segnalano i numeri positivi dai mercati nuovi come Canada, Israele e Sudafrica. Stabili nel complesso Corea del Sud e Hong Kong ma si registrano defezioni da Irlanda, India, Messico ed Emirati Arabi.

 

«Un ulteriore motivo di soddisfazione da parte nostra è l’accurato e attento lavoro di controllo svolto dalle forze dell’ordine per garantire il regolare svolgimento della manifestazione – spiega Raffaello Napoleone, amministratore delegato di Pitti Immagine -. In queste circostanze anche piccole dimenticanze da parte di qualche visitatore diventano motivo di intensificazione del controllo. È ciò che è successo stamattina, ma tutto si è risolto in tempi abbastanza brevi. Ripeto: non c’è stato nessun allarme e nessun rischio, solo qualcuno che si era distratto».

 

stats