Previsioni

Cina: per il 2014 il tasso di crescita del Pil sarà "solo" del 7,5%

La Cina rallenta la sua corsa. Per il 2014 il governo della Repubblica Popolare prevede una crescita del Pil del 7,5%, la più bassa degli ultimi 25 anni. Anche se un incremento di questo tipo l’Eurozona può solo sognarlo. Sul fronte inflazione, l’obiettivo è di contenerla al 3,5%.

 


Nel discorso di apertura del Congresso Nazionale, il premier Li Keqiang, riportando questi dati,  ha anche detto che la Cina proseguirà nel cammino delle riforme economiche, indispensabili perché la seconda potenza del mondo completi il processo di transizione da una economia prettamente basata sulla produzione (e quindi sulle esportazioni) a un’economia di mercato a tutti gli effetti.

 

 

In quest’ottica, priorità del governo, ma  non è certo una novità, è riuscire ad aumentare i consumi interni, per creare quel volano di domanda-offerta indispensabile per una sana crescita economica. (nella foto una veduta di Shanghai).

 

stats