Querelle

La Camera della Moda tutela DSquared2, C'N'C e Iceberg in Cina

Pressate dal tentativo di usurpazione dei marchi da parte di una realtà cinese, DSquared2, C'N'C e Iceberg possono contare sul supporto della Camera della Moda nelle loro traversie per la difesa della proprietà intellettuale nel Paese asiatico (nella foto, un'immagine della sfilata DSquared2 della prossima estate).

 

"Vista la gravità dei fatti, abbiamo deciso di intraprendere un'azione a supporto dei nostri iscritti - recita il comunicato diramato oggi dall'ente milanese -. Seppure con modalità diverse, si riscontra la costante di un medesimo soggetto usurpatore, appartenente a una società cinese, che utilizza impropriamente i brand citati, causando loro danni ingenti". Ai player in oggetto, si specifica, è stata respinta più volte la richiesta di registrazione ufficiale dei marchi in questione e nessuna delle azioni legali intraprese ha avuto riscontri positivi.

 

Un simile scenario impedisce a Dsquared2, C'N'C e Iceberg di operare sul territorio cinese: un fatto di estrema gravità, che ha spinto la Camera a sottoporre la questione agli enti istituzionali locali con cui da tempo collabora. Referenti che, si spera, riconosceranno l'anomalia legata al fatto che un unico soggetto abbia registrato tre etichette di proprietà di altrettanti associati a Cnmi.

 

 

stats