Ready-to-wear e accessori

Who's Next: lieve incremento di visitatori in gennaio

Who's Next ha chiuso i battenti a Parigi con visitatori a quota 58.232, in aumento dell'1% rispetto alla scorsa edizione di gennaio 2013. Positivi gli espositori, che nella quattro giorni dal 25 al 28 gennaio hanno portato al fashion trade show oltre 2mila brand tra ready-to-wear e accessori.

 

Tra i visitatori è salito del 3,6% il numero di presenze dalla Francia (38.050 operatori), ma l'estero ha dovuto mettere in conto il -8% delle Americhe, il -18% dell'Asia e il -23% dell'Africa. L'Europa, che rappresenta il 77% dei visitatori esteri, ha registrato un -1%, risultato di flessioni importanti (-20% Gran Bretagna e -15% Turchia) e rialzi significativi (+11% Belgio, +10% Spagna, +9% Germania). Gli operatori dall'Italia sono aumentati del 4%.

 

Positivo, in generale, l'andamento del business: “Abbiamo preso contatti e raccolto ordini - fa dice Sauro Degliesposti, titolare di Le Fate -. Tanti compratori francesi, ma anche russi, coreani e qualche nord-europeo. La voglia di uscire dal tunnel della crisi è palpabile”. “Questa di gennaio è storicamente una vetrina importante - afferma Nicola Nicolini, titolare di She's So -. Abbiamo lavorato anche con buyer arrivati da lontano: Cina, Corea e Russia. I dubbi restano sull'edizione estiva, che cade in pieno periodo di saldi, con le aziende che non hanno ancora i campionari a pieno regime”.

 

Il punto di forza di Who's Next, come spiega Caroline Van Renterghem (international communication project manager del salone, che a giorni lascerà il posto a Sandrine Meziane), sta nel riunire sotto un unico tetto un'offerta eterogenea, facendo leva sul coordinamento di layout espositivo, ambientazione e comunicazione. Importanti anche lo scouting presso le nuove leve del fashion e le dritte commerciali offerte nel Retail Expert Club, dove ad attendere i buyer ci sono personal shopper, esperti in retail design, consulenti di immagine e posizionamento.

 

Il dinamismo dello staff di WSN Developpement, l'organizzatore, resta il tratto distintivo della manifestazione, che ogni stagione sceglie un filo conduttore: a gennaio è stato il gioco (calciobalilla, flipper, postazioni vintage di videogame, pupazzi, peluche e tatuatori), l'estate prossima sarà la Turchia. A proposito dell'edizione di luglio, si sa già che ci sarà un riposizionamento sul calendario settimanale: si svolgerà dal venerdì 4 al lunedì 7, anziché dal sabato al martedì, per evitare la concomitanza sia con altre fiere di settore, sia con gli incontri decisivi dei mondiali di calcio brasiliani.

 

stats