Real estate

Cushman & Wakefield: Fifth Avenue senza rivali, ma Montenapoleone a +25%

Il mattone di lusso non conosce crisi. Lo certifica l'ultimo rapporto Main street across the world di Cushman & Wakefield, secondo cui gli affitti nelle strade dello shopping a cinque stelle sono lievitati in media del 35% rispetto allo scorso anno. È il caso della prima classificata, la Fifth Avenue di New York, dove il prezzo al metro quadrato all'anno di uno spazio commerciale nella sua parte più pregiata (tra la 49esima e la 60esima strada) è di 33.800 euro (+3,6%).

 

Una quotazione che porta il valore dei canoni di alcuni flagship store affacciati sulla Quinta a raggiungere valori record. Secondo le cifre indicate Cushman & Wakefield, infatti, l'affitto annuo di una location come quella di Tiffany & Co (circa 4.225 metri quadrati) dovrebbe sfiorare i 160 milioni di dollari.

 

In base allo studio, la seconda strada più costosa al mondo resta Causeway Bay a Hong Kong, dove i canoni sono invece scesi del 12%. Al terzo posto restano saldi gli Champs Elysées di Parigi (con quotazioni stabili). Confermata anche la quarta piazza di Londra, con New Bond street (+12%).



Milano guadagna un posto in classifica rispetto a un anno fa, grazie a via Montenapoleone, che sulla scia dell'Expo ha visto lievitare i suoi prezzi al metro quadrato del 25%. Ora per un metro quadrato nella via simbolo dello shopping milanese ci vogliono 10mila euro ogni anno, una quotazione che l'avvicina alla top 3.

 

Ancora meglio il risultato registrato negli ultimi mesi da via Condotti a Roma (+26,7%), che con i suoi 9.500 euro al metro quadro conquista il quarto posto tra le città più costose sui mercati Emea.

 

stats