Real estate

Gucci: da settembre tutti in via Mecenate e Hines vuole l'ex sede di via Broletto

Ormai manca poco al trasferimento di Gucci in via Mecenate 79. Da settembre, subito dopo il break estivo, i dipendenti milanesi della griffe saranno operativi nei nuovi headquarters, dove un tempo sorgeva la fabbrica di aerei Caproni, lasciando liberi i vecchi uffici di via Broletto (di cui il brand era affittuario), che stanno per essere acquistati da Hines.

 

I lavori, iniziati nel 2012, sono ormai praticamente giunti al termine: gli edifici - che occupano una superficie complessiva di 30mila metri quadrati - hanno mantenuto l'aspetto originale, con le facciate in mattoni a vista.

 

Anche il grande hangar di quasi 4mila metri quadrati, in cui originariamente venivano assemblati gli aerei, è stato mantenuto intatto e a partire dal 2017 diventerà lo spazio sfilate di Gucci.

 

Il progetto di riqualificazione del complesso dell’ex fabbrica Caproni è stato portato avanti dallo studio di architettura Piuarch (nella foto, un rendering pubblicato sul sito dello studio) e ha visto la realizzazione, oltre che dello spazio multifunzionale, di uffici, sale di rappresentanza e showroom-atelier.

 

Al centro del lotto è stato collocato un edificio a torre di nuova costruzione, con una superficie costruita di 5mila metri quadrati su sette piani.

 

Quanto agli ex uffici di via Broletto, dove Gucci si era insediato nel 2007, secondo ciò che si legge su Il Sole 24 Ore di oggi (29 giugno) stanno per passare di mano. L'attuale proprietà, la Finint, starebbe per venderli a Hines.

 

Secondo il quotidiano, il colosso americano del real estate starebbe per firmare l’acquisto di un altro palazzo, in piazza Cordusio, oggi di proprietà di Sorgente Sgr. Per i due immobili nel centro di Milano Hines investirebbe una cifra vicina ai 200 milioni di euro.

 

stats