Ricerche

Italia quinto produttore al mondo di falsi

Nel 2012 il fenomeno della contraffazione in Italia è stato pari a un giro d'affari compreso tra i 3,7 e i 7,5 miliardi di euro. Di questi oltre il 60% ha riguardato il settore abbigliamento e moda. Con il nostro Paese che risulta una vera fabbrica di prodotti contraffatti.


"L'Italia - ha dichiarato Carlo Guglielmi, presidente uscente di Indicam (Istituto di Centromarca per la lotta alla contraffazione), parlando a margine dell'assemblea annuale di questa mattina a Milano - oltre a essere il primo Paese europeo per acquisti di prodotti contraffatti, è il quinto al mondo per produzione di questo tipo di merce".


Secondo una nota di Indicam, i falsi valgono il 7-9% della quota delle vendite di prodotti sull'intero mercato mondiale. Una ricerca dell'Ocse datata 2009 calcola in 250 miliardi di dollari i soli prodotti contraffatti che hanno attraversato le frontiere doganali, tra produzione e consumo finale.



Dati che hanno messo in allarme gli esperti di Indicam, che hanno rilevato un incremento worldwide della contraffazione del 1850% dal 1994 al 2011, con 270mila posti di lavoro persi negli ultimi 10 anni (di cui 125mila nella sola Unione Europea).


Durante l'incontro Guglielmi ha affermato che una vera lotta a questa piaga "la si può fare con leggi nazionali, ma soprattutto europee".

 

 

stats