Scenari

L'occhialeria italiana in progress grazie all'export

Sono le vendite all'estero a dare ossigeno al settore dell'occhialeria italiano. Nel 2013 l'export ha registrato un +7,2% (2.811 milioni di euro) mentre il  mercato interno non ha dato segnali di risveglio. Da evidenziare la ripresa del business in Europa, con la Germania in pole position.

 

Il 2013 è stato un anno di rimonta per le esportazioni in Europa, che rappresentano poco meno del 50% del totale, con una crescita del 9,4% e con un contributo significativo che arriva dalla Germania a +23,7% e dalla Francia (+10,4%). Negli Stati Uniti si è registrata un'evoluzione dell'8,8% mentre in Asia la variazione è stata decisamente meno brillante (+2,7%), penalizzata dall'andamento del segmento delle montature. È calo, invece, per l'Oceania (-11,2%) e l'Africa (-7,4%).

 

Considerando l'export mondiale di occhiali da sole e montature, che nel 2013 si è attestato intorno ai 13.000 milioni di euro, la quota di mercato in valore riferibile all'Italia (che occupa il primo posto) è intorno al 24%. A seguire ci sono la Cina e Hong Kong, che primeggiano nella fascia bassa del mercato.

 

A testimoniare la vivacità del comparto nei mercati internazionali è stato anche l'andamento delle importazioni, salite a livello tendenziale del 5,7%, per un valore di 892 milioni di euro. Ma complessivamente la bilancia commerciale dell'occhialeria italiana si conferma in attivo per 1.919 milioni di euro, in aumento del 7,9% rispetto al 2012.

 

È sempre merito delle esportazioni se la produzione industriale dell'occhialeria italiana è progredita del 4,3%, a quota 2.919 milioni di euro. A ridimensionarsi invece è stato il numero delle imprese, 869 a -1,3%, così come si sono contratti gli occupati a -2,4% (15.830 in totale). Non vanno meglio i numeri legati al sell-in e al sell-out in Italia (rispettivamente -2,3% e -1,8% in valore): percentuali che ci riconducono al perdurare dello stato di crisi del nostro Paese, dove purtroppo i segnali per l'anno in corso sono ancora poco rassicuranti (nella foto, close up su una proposta di Gucci sulle passerelle dell'estate 2014).

 

 

 

 

 

 

 

 

stats