Settore calzaturiero

Anci lancia l’allarme esportazioni e chiede interventi urgenti al Governo

Nonostante l’aumento del 3,5% in valore e del 15% del prezzo medio, l’export italiano di calzature ha registrato nel primo quadrimestre di quest’anno una diminuzione del 10% in quantità, rispetto ai primi quattro mesi del 2011 (dati Istat rielaborati dall’Ufficio Studi Anci).

 

A creare apprensione è il fatto che la flessione dei volumi sia progressiva e si stia via via acuendo: solo nel mese di aprile si è registrata una diminuzione del 6,5% in valore e del 16,8% in quantità rispetto al corrispondente periodo 2011. A questo si aggiunge la frenata di alcuni mercati che invece avevano continuato a crescere anche durante la crisi, vedi Russia e Ucraina. Al contrario, Cina e Far East conservano un andamento positivo.

 

“Siamo fortemente preoccupati per la situazione in cui versano i mercati internazionali e anche per alcuni campanelli di allarme che ci vengono da aree importanti per le nostre esportazioni come Russia e Ucraina - ha dichiarato Cleto Sagripanti, presidente dell’associazione degli imprenditori del comparto -. Questi sintomi di malessere da parte di un settore come quello calzaturiero, che ha comunque dimostrato di saper reagire in questi anni difficili, ci dicono che è tempo di agire subito, con iniziative che sappiano unire la forza e la passione delle nostre aziende a interventi concreti di supporto da parte delle istituzioni”.

 

“Il Governo deve adottare politiche di sostegno agli asset più importanti dell’economia del Paese - ha aggiunto il presidente dei calzaturieri -. L’export è senza dubbio un elemento chiave per le nostre imprese e questi segnali devono accelerare tutte le misure necessarie”. In primo luogo, Sagripanti cita la necessità di “dare più risorse alla nuova Agenzia per la promozione all’estero e all’internazionalizzazione delle imprese italiane, evitando tagli a supporto di iniziative importanti come accaduto in occasione dell’ultima edizione di Obuv’ Mir Koži di ottobre”.

 

stats