Statistiche

Cina: in calo dell'11% le esportazioni di tessile verso l'Europa

Il deprezzamento dell'euro e dello yen impatta anche sulle esportazioni tessili cinesi, che registrano cali a doppia cifra in mercati di rilievo come l'Europa e il Giappone. Nell'area Asean l'export cinese ha registrato un -1,7%.

 

Lo riporta il China Daily, che cita numeri forniti dal Ministero dell'Industria e dell'Information Technology.

 

In particolare, le esportazioni verso l'Europa sono scese del 10,6% a 44,86 miliardi di dollari, mentre quelle verso il Giappone sono diminuite del 12% a 18,8 miliardi.

 

I Paesi dell'Asean (Association of South-East Asian Nations, di cui fanno parte, tra gli altri, Indonesia, Malesia, Filippine, Singapore e Tailandia) hanno importato tessile cinese per 29 miliardi di dollari (-1,7%).

 

Nel novembre 2015 le vendite di abbigliamento al dettaglio dei 100 maggiori operatori cinesi hanno registrato una flessione del 5% rispetto a un anno prima. Al contrario, le vendite online da gennaio a novembre 2015 sono salite del 23,5%.

 

I numeri dell'export rifletterebbero la trasformazione economica in corso nella Repubblica Popolare. L'hi-tech starebbe via via rimpiazzando le attività labour intensive come il tessile.

 

Molte imprese cinesi, come riferisce il China Daily, starebbero delocalizzando in altri Paesi del Sud-Est asiatico, dove il costo della manodopera arriva a essere anche quattro volte più conveniente rispetto alla Cina.

 

 

stats