Statistiche

Congiuntura tessile-moda: nel terzo trimestre si torna a rallentare

Il +1,3% del secondo trimestre aveva fatto tirare un sospiro di sollievo, dopo il -4,6% del primo quarter. Tuttavia nel periodo luglio-settembre il fatturato del tessile-moda nazionale mostra un rallentamento (+0,9%), con l'export che perde tono.

 

Secondo un'indagine campionaria di Smi (Sistema Moda Italia), cui hanno partecipato circa 110 aziende in rappresentanza di tutta la filiera, le esportazioni hanno mantenuto il segno positivo nei tre trimestri, ma spicca la decelerazione di luglio-settembre: +3,1%, dopo il +7,1% di aprile-giugno (+1,1% nel primo quarter).

 

Dalle vendite nazionali (per il monte e il valle della filiera) arriva un timido segnale di decelerazione della caduta: -3,2% nel terzo quarter, dopo il -10% dell'inizio dell'anno.

 

Quadro negativo anche per l'attività produttiva. La produzione tessile è passata dal -4,4% di gennaio-marzo al -2,4% del terzo trimestre, mentre quella a valle è passata da un iniziale -8,4% a -5,2%.

 

La raccolta ordini resta stabile sul mercato nazionale mentre sul fronte estero emergono timidi aumenti: +1,6% nelle proposte tessili e +3,3% nell'abbigliamento.

 

A proposito dell'evoluzione del mercato, il 54,8% del campione intervistato da Smi è orientato alla stabilità rispetto all'operatività sperimentata in corso d'anno. Il 26,5% è pessimista, mentre ottimisti rappresentano il 18,8%, in salita dal 12,7% di un anno fa (nella foto, un interno alla Zegna Baruffa Lane Borgosesia).

 

stats