TESSILE MADE IN ITALY

Inizia domani Milano Unica: le incognite restano, ma alcuni segmenti crescono

Con l’inaugurazione di domani parte la 16esima edizione di Milano Unica, il salone italiano del tessile, di scena fino all’8 febbraio al Portello. Si assiste a una lieve contrazione nel numero di espositori, eccezion fatta per Ideabiella, incentrata sui prodotti classici/evergreen di fascia alta. Ma Pier Luigi Loro Piana denuncia: “Il nostro settore non ha supporto”.

 

Da un sondaggio effettuato su un campione rappresentativo di aziende partecipanti a Ideabiella (oltre il 90%), questo specifico segmento vede infatti crescere nel 2012 il fatturato complessivo del 3,8%, a quota 1,8 miliardi di euro, grazie soprattutto alle performace delle realtà più proiettate verso l’estero, che sono oltre il 90% del totale. Queste ultime vedono l’export in salita addirittura del 7,6%. I flussi più significativi riguardano i Paesi extra Ue, Cina, Usa e Giappone in testa. In particolare, le aziende laniere mettono a segno i risultati migliori. Si spiega così anche il positivo trend delle adesioni a Ideabiella, dove da domani a venerdì 8 febbraio saranno presentate le collezioni per la primavera-estate 2014 di 57 linee italiane e 10 straniere (+10% rispetto a febbraio 2012), su un totale di 417 realtà presenti a Milano Unica (contro le 440 di un anno fa).  

 

“I risultati, nel complesso positivi, conseguiti dagli espositori di Ideabiella - ha commentato Pier Luigi Loro Piana, presidente di questo salone nel salone - sono il frutto del lavoro in solitudine degli imprenditori e dei loro collaboratori. La crisi si è però fatta sentire anche nelle nostre aziende: è diminuita mediamente del 5% la produzione in volume e abbiamo avuto un calo, seppur limitato, dell’occupazione. Da anni, come settore chiediamo di ridurre il cuneo fiscale e i costi dell’energia che ci penalizzano nella competizione globale, registrando un completo disinteresse da parte di chi, a parole, continua a sostenere l’importanza del ruolo della manifattura”.

 

Durante l’incontro inaugurale di Milano Unica di domattina alle 11 in sala Bolaffio al Timpano - che in programma ha lo speech dello stilista-imprenditore inglese Paul Smith, ma anche gli interventi più istituzionali di Silvio Albini, presidente della manifestazione e Michele Tonconi, presidente di Sistema Moda Italia - saranno comunicati come sempre i dati a livello macro del tessile made in Italy, che tengono conto dei diversi segmenti d’offerta. La sera è atteso invece da parte di espositori e visitatori della rassegna il concerto straordinario “Omaggio a Ludwig van Beethoven”, diretto dal maestro Zubin Metha con l’orchestra del Maggio Fiorentino, presso l’auditorium Giuseppe Verdi di Milano.

 

 

stats