Tracciabilità

Made in: Muscardini presenta due interrogazioni a Bruxelles e Smi ringrazia

Domani a Bruxelles l'europarlamentare Cristiana Muscardini (nella foto) presenterà, con i colleghi Gianluca Susta e Niccolò Rinaldi, due interrogazioni orali sulla questione "Made in", dopo la recente decisione della Commissione Ue di ritirare la proposta di regolamento per l'indicazione d'origine obbligatoria dei prodotti extra-Ue.

 

"Se domani ci sarà il voto favorevole della Commissione Commercio Internazionale - ha detto Muscardini, vicepresidente della stessa al Parlamento europeo - in gennaio si interrogheranno Consiglio e Commissione in aula a Strasburgo, dove cercheremo di impedire che continui la discriminazione dei consumatori e delle imprese manifatturiere europee, rispetto a quelle dei Paesi nostri partner e competitor commerciali". "Affiancheremo queste iniziative - ha concluso - con una proposta di risoluzione a nome dei gruppi politici, affinché venga data un'alternativa normativa al Parlamento e ai cittadini europei".

 

Alla notizia dell'appuntamento di domani Michele Tronconi, presidente di Sistema Moda Italia ha dichiarato: “A Muscardini, Susta e Rinaldi va il ringraziamento di tutte le aziende della filiera italiana del tessile-moda". "Ci auguriamo che, nell’occasione, il Parlamento europeo ribadisca il suo precedente orientamento largamente maggioritario all’adozione del regolamento - ha precisato - e che, in caso di voto favorevole, il Governo italiano sappia far valere le ragioni dei consumatori europei e della manifattura italiana nella definizione delle risposte alle interrogazioni". "Si tratta - ha concluso Tronconi - di una fondamentale battaglia in difesa dei diritti dei consumatori a essere correttamente informati, oltre che di una mossa a tutela degli interessi dei Paesi europei manifatturieri”.

stats