Una ricerca di Cotton Usa

Millennials e shopping: fibre, etica e provenienza surclassano il brand

Un'indagine svolta da Cotton Usa rivela le abitudini e le preferenze dei Millennials italiani in fatto di abbigliamento. A sorpresa i consumatori adulti, tra i 18 e i 35 anni, mostrano una grande attenzione nei confronti della sostenibilità e dei contenuti intrinseci dei capi.

 

Il 74% degli intervistati esamina le etichette perchè vuole conoscere la composizione dei tessuti. Per il 73% è fondamentale la provenienza geografica di un capo mentre il 92% dei coinvolti elegge il cotone a propria fibra preferita. Secondo il 38%, inoltre, il termine qualità non è solo sinonimo di made in Italy.

 

Anche se il rapporto qualità/prezzo è una spinta all'acquisto fondamentale per il 55% dei Millennials, il 51% spende volentieri qualcosa in più per un tessuto che duri nel tempo.

 

Un atteggiamento tipico soprattutto delle donne (57%) e dei 30-35enni (56%), mentre i giovanissimi (18-23enni) sono più interessati alla funzionalità traspirante dei materiali (42% sul 36% del totale del panel) e alla loro morbidezza (34% vs 36%).

 

I Millennials, inoltre, danno priorità ai capi “cruelty free”, cioè che non utilizzano materie prime provenienti da animali, seguiti da quelli prodotti da aziende che non sfruttano la manodopera. Al terzo posto nella lista degli aspetti prioritari, gli intervistati indicano di voler sapere non solo dove viene prodotto il capo, ma anche le fibre utilizzate.

 

Meno interesse riscuote invece il discorso vegan nell'abbigliamento, dal momento che 6 millennial su 10 non sono sensibili all'appeal di capi prodotti con materiale di origine vegetale, per i quali non vengono utilizzati/uccisi animali.

 

Questo genere di proposte, infatti, interessano una nicchia di consumatori, ossia meno di 1 intervistato su 10. Cifra che sale a 2 se si considera chi acquista capi vegani abbinandoli a proposte che non lo sono. L'interesse però è destinato a incrementarsi, se sitiene conto che 2 persone su 10  preferirebbero comunque comprare capi vegani.

 

Concludendo con l'ispirazione, il 54% delle persone interprellate quando acquista i propri capi d’abbigliamento preferisce farsi consigliare da qualcuno. A sorpresa sono le donne a preferire lo shopping “autonomo” (50%).

 

Il canale per eccellenza da cui traggono ispirazione i Millennials per l’acquisto è Internet, trainato dai social network (42%), dai siti di e-commerce (40%) e dai portali dei brand (30%).

 

Nella foto: un'immagine tratta dall'account Instagram di Cotton Usa.

 

stats