a barcellona

Denim Première Vision cambia nome e lancia un award dedicato ai giovani talenti

La denim community si dà appuntamento a Barcellona, dal 27 al 28 maggio, per la 16esima edizione di Denim Première Vision. Tra le novità del prossimo appuntamento alla Fira Montjuïc (il terzo in Spagna), il "Promising Talent Award", che in collaborazione con Isko incoronerà una giovane promessa della tela indigo.

 

A poche settimane dall'inizio della manifestazione, la direttrice del salone, Chantal Malingrey (nella foto), ribadisce il successo dell'"operazione Barcellona", avviata un anno fa, quando il salone venne trasferito nella città catalana dopo 13 edizioni a Parigi: «Una scelta vincente - racconta a fashionmagazine.it - che ci ha permesso di raggiungere tutti i traguardi prefissati: un'offerta selettiva ma completa e di alto livello e un maggior numero di visitatori».

 

Obiettivo centrato: la rassegna del debutto (nel maggio del 2014) fece registrare un +45% di presenze (a quota 4.480) e all'ultimo rendez-vous, quello dello scorso novembre, il numero dei buyer sfiorò le 4mila unità, con una performance positiva soprattutto della compagine from Usa (+40%).

 

E ora i vertici della fiera alzano l'asticella. Tre gli asset per giocare la prossima partita, che ruoterà intorno alle proposte per l'autunno-inverno 2016/2017 di 97 espositori: un seminario che completerà l'area trend all'interno del salone, delle conferenze a tema e un award per i giovani talenti, istituito a partire da questa edizione in tandem con il player turco Isko.

 

Il workshop, in programma il 27 maggio alle 12.30, sarà tenuto dall'équipe di esperti di Denim Première Vision e «sarà un'occasione per avere un'overview sui nuovi orientamenti a livello di trend - spiega Chantal Malingrey - ma anche per approfondire la valenza "sociale" dell'estetica del jeans».

 

Accanto a questo seminario (per il quale è obbligatoria l'iscrizione online), la rassegna mette in agenda anche due conferenze focalizzate sul pianeta denim con il fil rouge dell'ecosostenibilità, in collaborazione rispettivamente con i produttori Orta e Garmon e Jeanologia.

 

Novità di punta della prossima edizione sarà il "Promising Talent Award", iniziativa nata sulla scia del progetto Isko I-Skool, denim contest per le scuole di moda lanciato tre anni fa in partnership con il big turco e un panel di nomi internazionali della tela indigo. «Crediamo fermamente nell'importanza della trasmissione del savoir-faire alle nuove generazioni - dice la manager -. E il nuovo premio va proprio in questa direzione».

 

Circa 250 le candidature per partecipare alla selezione, che incoronerà un solo vincitore, «lo studente che dimostrerà di aver capito e interpretato meglio la materia e i lavaggi e pronto dunque a essere inserito in una realtà del denimwear».

 

A chi si aggiudicherà il podio sarà destinato in un primo tempo uno stage presso l’équipe di Denim Première Vision, in seguito seguiranno altri training presso le industrie del settore.

 

La premiazione è prevista nei primi giorni di luglio a Milano. Dettagli più precisi saranno svelati nelle prossime settimane.

 

stats