A fieramilano rho dal 23 al 25 febbraio

Numeri record per il 49esimo Mido

Gli organizzatori di Mido, il salone dell'eyewear che si svolge a Fieramilano Rho dal 23 al 25 febbraio, annunciano un'edizione record, grazie ai 1.323 espositori da tutto il mondo, di cui 110 al debutto in fiera, su oltre 52mila metri quadri netti.

Come informa un comunicato, sono tutti sold out i 7 padiglioni di Rho Fiera, pronti ad accogliere grandi player, produttori e buyer, designer, imprenditori, ottici, oculisti e tutta la filiera globale degli occhiali.

Numeri importanti, «che replicano il record della passata edizione - si legge nella nota -. Un risultato non scontato, segno di grande fiducia nello strumento fieristico. È il modo migliore di mettersi in cammino verso il 50esimo compleanno della manifestazione, che si celebrerà nel 2020».

Come sottolinea il presidente della kermesse, Giovanni Vitaloni, Mido è lo specchio di un settore dinamico, nonostante le congiunture globali. Il Mise, tra l'altro, ha confermato il proprio supporto al salone, affiancato da Ice che ha organizzato l'attività di incoming di addetti ai lavori provenienti dai mercati chiave per il comparto: già pre-registrati 150 tra compratori top e giornalisti.

Tra le aree più dinamiche di Mido il padiglione More! e la Lab Academy, laboratorio delle avanguardie e dell'innovazione. Da segnalare anche l'Otticlub, che oltre a presentare le ultime tendenze a livello di prodotto fa il punto sul mercato.

Nella giornata di domenica vengono presentati i dati dell'indagine semestrale Optical Monitor, condotta da Gfk per conto di Mido e Silmo tra i consumatori di Cina, Russia, Usa e Giappone. Giunge alla terza edizione Mido Outlook, termometro del mercato dell'eyewear.

I negozi sono al centro di Bestore, iniziativa che premia i più originali e commercialmente avanti con due award, il Bestore Design e il Bestore Innovation: il final event è previsto sempre domenica.

I tre giorni di fiera vengono testimoniati attraverso le dirette di Mido Tv, canale in live streaming visibile da tre postazioni nel centro espositivo, oltre che sul canale YouTube della rassegna e attraverso la Mido App, scaricabile da Google Play e da App Store e recentemente riprogettata.

Sempre più massiccio l'utilizzo dei social, da Instagram (@mido_exhibition) alle Storie su Facebook (@MIDOexhibition), fino a Twitter (@MIDOexhibition), con gli hashtag #MIDO2019 e #Livethewonder.

«Mido - sintetizza Vitaloni - non significa solo business ma anche design, all'insegna di un'esperienza immersiva tra salotti futuristici, ledfloor e lenti giganti. Un percorso che suscita emozioni e che offre significative occasioni di approfondimento».

 

 

a.b.
stats