a firenze

Pitti Filati alza il sipario sull'estate 2019 e alla Leopolda è di scena il vintage

Sono 115 i marchi all'82esima edizione di Pitti Filati, in Fortezza da Basso a Firenze da oggi, 24 gennaio, al 26. Dall'estero arrivano 18 espositori, provenienti da Germania, Regno Unito, Giappone, India, Perù, Turchia, Romania e Svizzera. Lo Spazio Ricerca si colloca al Salone M, sul filo conduttore del tema Raw.

 

La manifestazione accende i riflettori sull'eccellenza della filatura su scala internazionale, accogliendo buyer da tutto il mondo, anche grazie al contributo straordinario di Mise e Agenzia Ice. Nel gennaio 2017 i compratori alla kermesse sono stati 4.350, di cui 1.800 da oltre 50 Paesi.

 

In primo piano l'anteprima mondiale delle collezioni di filati per maglieria dedicate alla primavera-estate 2019.

 

Tra gli highlight lo Spazio Ricerca, creative lab e osservatorio sperimentale sui trend, sotto la direzione artistica di Angelo Figus e dell'esperta di knitwear Nicola Miller, coadiuvati da Alessandro Moradei per l'allestimento.

 

Il filo conduttore dell'estate 2019 sarà l'aggettivo Raw, che significa crudo, grezzo, non raffinato. Un modo di rivalutare la libertà creativa, in contrasto con l'eccesso di sofisticatezza e con la perfezione inumana che i ritmi contemporanei impongono.

 

«In Raw - si legge in una nota di Pitti Immagine - tutto è crudo, dal cibo al filo. La maglia è vera, nei punti e nei titoli dei filati, non si nasconde dietro virtuosismi di finezze inarrivabili».

 

Interconnesso con lo Spazio Ricerca è Knitclub, palcoscenico per i maglifici di qualità, con brand quali Alda Santini, Pazzi da Filare, Pikkante, Ypsilon e Maglieria Gemma, solo per citarne alcuni.

 

Quanto a Fashion at Work, questo settore di Pitti Filati riunisce realtà italiane e straniere impegnate su diversi fronti, tutti collegabili al core business delle aziende presenti in Fortezza: si va dalle consulenze stilistiche alla progettazione di punti e prototipi, fino ad accessori, passamanerie, ricami, bureau de style e così via. Salgono alla ribalta di Fashion at Work, tra gli altri, Acorn, Albini & Pitigliani, Pashma, Fibre by Dicartgroup, Shima Seiki Italia e Ugolini Machinery.

 

Focus anche su Feel the Yarn-Italian Excellence, progetto e marchio nato dall'impegno congiunto del Consorzio Promozione Filati e di Pitti Immagine. Obiettivo, valorizzare gli aspiranti stilisti di scuole di moda qualificate di ogni nazionalità, attraverso l'utilizzo dei filati delle aziende italiane.

 

L'evento clou di Feel the Yarn-Italian Excellence si abbina all'edizione estiva della rassegna, ma al Cavedio del Piano Inferiore della Fortezza è allestita un'area di informazione e approfondimento, dove viene presentato il volume Feel the Yarn Excellence-Hybridization.

 

Sempre a proposito di progetti in progress, Dyloan Studio presenta a Pitti Filati Moda Futuribile, a sua volta all'insegna della sinergia tra i creativi e le realtà produttrici, con un approfondimento sulla sostenibilità e la progettazione critica in tutta la filiera, in linea con il "Manifesto della Sostenibilità per la Moda Italiana", promosso da Camera Moda e in linea con i principi esposti dalla onlus Plef-Planet Life Economy Foundation.

 

Anche in occasione di questo appuntamento, infine, si rinnova Pitti Immagine Loves Mini, sodalizio tra l'ente fiorentino e la casa automobilistica.

 

A partire dal primo febbraio, per 11 settimane Pitti Filati 82 sarà online sulla e-Pitti.com, con un catalogo di 600 fili e 60 brand e altri contenuti.

 

Abbinata a e-Pitti.com è la app business to business Ready-to-Order, che permette di raccogliere gli ordini sull'iPad.

 

Non di filati, ma di second-hand di alto livello si occupa un evento concomitante con la kermesse della Fortezza da Basso: si tratta di Vintage Selection, un polo d'attrazione per appassionati, collezionisti, addetti ai lavori o semplici curiosi, che giunge alla 31esima edizione dal 24 al 28 gennaio alla Leopolda, accompagnato dallo slogan The Next Past.

 

Un modo per ricollegarsi al tema portante di tutte le fiere "by Pitti Immagine" di questa stagione, ossia il cinema: viene infatti rievocata, attraverso il layout e un allestimento con 30 outfit speciali, l'atmosfera dei set delle pellicole più famose degli anni Settanta, Ottanta e Novanta.

 

stats