A Firenze dal 13 al 15 settembre

Pitti Fragranze: il mondo dei profumi si apre al digital. Special guest Jean-Claude Ellena

Pitti Fragranze – il salone evento di Pitti Immagine – si svolgerà dal 13 al 15 settembre alla stazione Leopolda di Firenze. Saranno presenti i brand della profumeria internazionale, in tutto 150, fino ai nuovi talenti da tutto il mondo. 

È prevista la partecipazione speciale di
Jean-Claude Ellena, talento riconosciuto a livello internazionale per essere autore di profumi best seller - ad esempio Bulgari ed Hermès, che lo ha nominato nel 2004 parfumeur exclusif – e anche di libri profumati. 

Ellena sarà protagonista di un incontro, moderato da Chandler Burr.

L’ultima edizione del salone, nel settembre 2018, ha registrato un totale di circa 2.150 compratori da più di 50 Paesi: di questi quasi 700 quelli provenienti dall’estero.

La classifica dei mercati di riferimento della manifestazione vede in prima posizione la Francia, seguita da Germania, Russia, Spagna, Svizzera, Regno Unito, Ucraina, Emirati Arabi, Olanda, Giappone e Stati Uniti.

L’evento sarà arricchito da un calendario di Fragranze talks, incontri focalizzati sulla dimensione più avanzata del retail della profumeria, a partire dalla formazione dello staff, fino al design degli spazi fisici e virtuali.

Non mancheranno i progetti speciali come La Città delle Fragranze, che prevede fuori dalla stazione Leopolda un calendario di appuntamenti, insieme a eventi come la visita olfattiva alla mostra Romanzo Breve di Moda Maschile, realizzata in collaborazione con le Gallerie degli Uffizi, che mette in scena 30 anni di moda uomo, dal 1989 a oggi, visti attraverso la lente di Pitti Immagine Uomo.

E ancora, Rinascente Firenze incontra Pitti Fragranze, e il department store presenta nella sua Craft Gallery il progetto The Art of Fragrance: una selezione dell’eccellenza, dell’artigianalità e del made in Italy di fragranze.  

La novità di quest anno è il Digital workshop, in cui si spiega come il digitale possa arricchire la brand experience. Ivano Cauli e Julia Sokolova di Openmind, esperti in digital transformation, affronteranno i punti chiave più importanti del mondo digitale, dalla brand alla user experience.

Nuova puntata per l’Osservatorio delle Fragranze, che assume un’importanza sempre maggiore.

Giunto alla sua seconda edizione, promosso da Pitti Immagine e condotto da Marco Ricchetti (economista ed autore di studi e autore di studi e libri sull’economia delle industrie), l’osservatorio prosegue la sua indagine sulla dimensione economica del settore della profumeria artistica internazionale. 

L’indagine è partita dai risultati economici e finanziari di un campione di marchi italiani ed europei e dall’evoluzione negli ultimi anni, culminata con un 2018 chiuso con oltre 600 milioni di euro di fatturato per l’industria europea del settore e quasi 1,3 miliardi di euro tradotti in prezzi di consumo.  

Stavolta si analizza innanzitutto la sostenibilità economica dei modelli di business. Un secondo aspetto analizzato riguarda invece il sistema distributivo della profumeria artistica.

Questo canale in Italia si differenza dagli altri Paesi europei, in quanto si caratterizza per la presenza di un numero molto elevato di negozi indipendenti, e ha visto crescere le vendite negli ultimi anni a un tasso medio annuo composto del 4%, ma con una divaricazione molto marcata tra andamenti positivi e negativi.

Inoltre, la distribuzione è sottoposta a una forte tensione a causa dell’acquisizione negli ultimi anni dei marchi storici della profumeria artistica da parte delle multinazionali della cosmesi.

a.s.
stats