A FIRENZE DAL 20 AL 22 GIUGNO

Pitti Bimbo lancia The Kid's Lab! e porta a bordo Emporio Armani

È un universo bambino «prospettico e multiplo», come lo ha definito stamattina Agostino Poletto (direttore generale di Pitti Immagine), quello rappresentato da Pitti Bimbo, salone internazionale del childrenswear e dei lifestyle in piccole taglie, la cui 89esima edizione è in programma alla Fortezza da Basso di Firenze dal 20 al 22 giugno prossimi.

Come ha ribadito Giuliana Parabiago (pr & marketing consultant dell'ente fiorentino), «usando una metafora, la rassegna non è più l'armadio, ma la stanza dei piccoli».

Anche se, come ha ricordato Raffaello Napoleone (a.d. di Pitti Immagine) in apertura della conferenza stampa al Teatro Girolamo di Milano, il mercato attuale è fatto di chiaroscuri, la manifestazione guarda avanti e si arricchisce di ulteriori spunti.

Cassa di risonanza per 560 collezioni, 337 delle quali - ossia il 60% - provenienti dall'estero, Pitti Bimbo lancia infatti il format The Kid's Lab! al Top Floor del Padiglione Centrale e accoglie in Fortezza per la prima volta la collezione junior di Emporio Armani (nella foto), protagonista all'interno della Sala della Scherma.

Due highlight di questo 89esimo appuntamento, pronto a convogliare su Firenze un totale di 10mila visitatori, di cui circa 5.400 compratori, 2.500 dei quali dall'estero.

«The Kid's Lab! - ha anticipato Poletto - diventa il nuovo habitat naturale dei brand di ricerca presenti a Pitti. Riunisce quindi le sezioni KidzFizz, #Activelab, The Nest, EcoEthic e Kid's Evolution - in cui designer per l'adulto si cimentano in proposte mini-me, grazie a un progetto ideato in esclusiva per Pitti da Alessandro Enriquez -, all'interno di un ambiente di 6mila metri quadri, contro i precedenti 2.500. Il concept è stato ideato dallo studio di architettura Storage Milano: obiettivo, valorizzare i vari settori e il loro dna, ma al tempo stesso farli dialogare tra loro».

Sempre il Top Floor ospiterà due progetti dedicati all'illustrazione e all'editoria per gli under 14: The Extraordinary Library, stavolta con un'impostazione tutta al femminile, e Off The Page...And The World Of Fashion, la "casa" di 25 illustratori.

«Farà inoltre parte di quello che ci piace definire un pianeta della ricerca - ha aggiunto Giuliana Parabiago - la partecipazione speciale di Chopard a sostegno della Andrea Bocelli Foundation per la ricostruzione della scuola di Muccia, gravemente danneggiata dal terremoto delle Marche».

Da citare infine in quest'area la mostra Una Famiglia, Tutti I Colori del fotografo newyorkese Tom Watson per l'associazione Mamme per la Pelle, un close up su The New Family insieme a Milk Magazine, l'allestimento The Playful Living con Style Piccoli e, non ultima, la presentazione del libro Craft The Seasons: 100 Creations della designer e illustratrice francese Nathalie Lété.

Quanto alla presenza di Emporio Armani con le proposte junior della primavera-estate 2020, è una novità assoluta per la manifestazione e c'è dunque molta curiosità sull'installazione all'interno di uno degli spazi più grandi e belli della Fortezza, la Sala della Scherma.

Nata nel 1982 con il nome Armani Junior, la linea bambino è confluita in Emporio Armani con l'autunno-inverno 2018/2019 e va dal newborn e baby (0-36 mesi), alla ragazzina dai 4 ai 14 anni, fino al boy dai 4 ai 16 anni.

Tra gli altri big che partecipano a questa 89esima edizione spiccano Dolce&Gabbana Kids, il Gruppo Cwf con i brand Little Marc Jacobs, Boss, Karl Lagerfeld e Billieblush, C.P. Company Undersixteen, Herno Kids, Miss Blumarine, Monnalisa, Petit Bateau e Philosophy by Lorenzo Serafini, prodotto da Gimel.

Al debutto nel centro espositivo fiorentino Araia Kids, G-Star Raw, Jacob Cohen Junior, Lotto, Pinko e Tia Cibani Kids. Rientrano inoltre Manila Grace, North Sails e Sundek.

C'è dell'altro: per esempio l'ingresso di Seletti, Meri Meri e Maileg nella sezione sul design Fancy Room - in crescita, da 40 a 70 aziende -, l'adesione dei brand made in Andalusia, promossa da Extenda al Padiglione Centrale, uno spaccato della nuova creatività georgiana all'interno di KidzFizz, EcoEthic, Fancy Room e #Activelab e, naturalmente, gli eventi.

Da non perdere in Fortezza la sfilata collettiva di Pitti Immagine - e in particolare della sezione Apartment - venerdì 21 giugno alla Sala della Ronda, curata da Emiliano Frangipane.

Calcano la passerella durante Pitti Bimbo anche I Natural Angel, Manila Grace, Stefania, le collettive Children's Fashion From Spain e Kids.Modaportugal, mentre Sarabanda organizza un cocktail alla Sala delle Grotte.

Fuori dalla Fortezza, si conferma l'appuntamento serale con Monnalisa: la data è il 20 giugno ma la location è ancora top secret.

Il 21 giugno, invece, i riflettori sono puntati la mattina sul breakfast a Palazzo di Emilio Pucci e la sera sul dinner party di Pitti Immagine, ispirato al tema di Pitti Bimbo The Pitti Special Click.

A parte l'evento fisico, che si avvale di un programma di incoming di top buyer da tutto il mondo con il contributo di Mise e Ice Agenzia, Pitti Bimbo investe anche sul digitale con la piattaforma B2B e-Pitti.com, sulla quale sono in arrivo imoportanti novità, e con il debutto dell'account Instagram del salone, @pittibimbo_official, collegato agli hashtag #pittibimbo, #pb89 e #thepittispecialclick.

Per finire, una curiosità o forse qualcosa di più: in platea stamattina era seduta Pupi Solari, storica retailer milanese della moda infantile, che celebra i 50 anni di attività.

«Come facciamo in occasione di Pitti Uomo, in cui consegniamo il Premio Pitti Immagine - ha osservato Raffaello Napoleone - non escludo di istituire lo stesso award anche a Pitti Bimbo: la prima a riceverlo non potrebbe essere che Pupi Solari».

a.b.
stats