A Milano un restyling da 200 milioni

Corti di Baires pronte tra un anno, ma sette negozi attesi già per l'estate 2020

Dopo 15 anni di abbandono e diversi passaggi di mano è entrato nel vivo il recupero delle Corti di Baires, un’area di 25mila metri quadrati, di cui 8mila a destinazione commerciale, situata tra corso Buenos Aires e via Petrella a Milano.

I primi ad arrivare, entro la prossima estate, saranno i negozi. Poi il resto, con la chiusura definitiva del cantiere stimata per novembre 2020.

L'iniziativa è promossa dal fondo inglese Meyer Bergman che, con Kryalos come advisor e un’operazione che tra acquisizione e lavori di riqualificazione, si aggira attorno ai 200 milioni di euro e che vede convolta F&M Ingegneria per la direzione lavori insieme a Archeias Architetti Associati per il progetto architettonico commerciale e Lombardini22 per quello residenziale.

La proposta progettuale consiste nella completa riqualificazione delle aree commerciali, residenziali e delle corti interne. Lungo corso Buenos Aires e via Petrella verrà realizzato un fronte commerciale continuo caratterizzato da ampie vetrine, per i negozi che si svilupperanno sui livelli interrato, terra e primo. Le corti interne e le residenze verranno riqualificate, con nuove aree verdi e interventi mirati a garantire rinnovata estetica e concreta fruibilità a tutto il complesso.

Il progetto riguarda quindi le residenze (oggi rinominate Corti Segrete), che si estendono su una superficie di circa 13.500 metri quadrati lordi, comprensivi della riqualificazione dei sottotetti e degli spazi comuni (ingressi residenze, portineria, cortili, giardini, spazi di uso comune e cantine), e gli spazi commerciali, che occupano una superficie stimata di circa 8mila metri quadrati lordi ai piani terra e primo.

an.bi.
stats