A Parigi "puniti" i grandi magazzini di boulevard Haussmann

La Francia riapre i negozi, tra mascherine e casse col plexiglas

In Francia, data la riduzione della curva dei nuovi casi di Covid-19, il presidente Emmanuel Macron, dopo otto settimane di chiusura di tutti i negozi, ha dato il via libera alla riapertura per la maggior parte degli esercizi commerciali a partire da oggi, lunedì 11 maggio. 

Sono esclusi dal provvedimento di riapertura alcuni grandi centri commerciali (oltre 40mila metri quadrati), in particolare nell'Ile-de-France (ovvero l'area di Parigi), dove si erano concentrati più casi positivi. 

Ma quali saranno le regole che i negozi dovranno adottare per riaprire in sicurezza? Le riassume in un articolo Le Parisien, che ricorda come tutto il personale dovrà indossare la mascherina, mentre gli addetti più a contatto con il cliente dovranno usare anche la visiera in plexiglas.

Le casse avranno sistemi di protezione in plexiglas e chi maneggia pacchi o confezioni indosserà anche guanti monouso.

Le regole da rispettare saranno le stesse anche per i clienti. La mascherina, fanno sapere i dipartimenti sanitari francesi, è consigliata dovunque, all'esterno e ovviamente all'interno dei locali. Ma alcune insegne come Decatlhon hanno deciso di adottare misure ancora più stringenti, rendendo obbligatorio l'uso della mascherina da parte dei clienti. Il retailer ha affisso un cartello che invita a "venire in negozio dotati di una maschera protettiva". 

Misure restrittive a parte, la riapertura delle attività commerciali in Francia, e nella capitale in particolare, è un test molto importante sui consumi. Osservati speciali sono quindi i grandi magazzini iconici di Parigi: Galeries Lafayette Champs-Elysées, Bon Marché Rive Gauche (di proprietà del gruppo Lvmh), BHV Marais (groupe Galeries Lafayette), che riaprono oggi, mentre restano chiusi a causa del limite imposto sulla superficie Galeries Lafayette Haussmann (nella foto) e Printemps Haussmann.

an.bi.
stats