Moda in cima alle intenzioni di acquisto

Shopping natalizio: nel rush finale il retail fisico batte l’online

Uno sprint per gli acquisti natalizi si profila in Italia: è quanto prevede Confesercenti sulla base di un sondaggio Ipsos, secondo cui quasi sei consumatori su dieci (il 58%) entro sabato andranno a caccia dei regali mancanti da mettere sotto l'albero.

Una corsa all'ultimo minuto che vedrà protagonista la rete dei punti vendita fisici, mentre con margini di tempo ristretti l'online risulta frenato dai tempi di consegna: l'89% dei consumatori farà almeno un acquisto presso un punto vendita fisico, contro il 59 % che sceglierà anche il web.

In media, per i regali del Natale 2022 si spenderanno in tutto 197 euro a persona, un budget minore di 39 euro rispetto a quello dello scorso anno visto il peso di bollette e inflazione che, secondo Confesercenti, quest'anno assorbirà un terzo circa delle tredicesime, per un totale di circa 15 miliardi.

Nella top ten delle intenzioni di acquisto per i regali, secondo il sondaggio di Confesercenti e Ipsos, spiccano i capi d'abbigliamento (44% delle indicazioni), seguiti da libri (40%), prodotti di profumeria (39%), giochi e giocattoli (38%), regali gastronomici (31%), accessori di moda (30%), prodotti tecnologici (25%), arredamento e prodotti per la casa, vini ed elettrodomestici e piccoli elettrodomestici (tutti al 21% di indicazioni).

Due persone su dieci - il 20% - regaleranno invece un prodotto di gioielleria. Una quota quasi simile a quanti scelgono calzature (19%) e videogiochi (18%), mentre il 7% dei Babbi Natale italiani metterà sotto l'albero un viaggio o una vacanza.

«Un segnale positivo in particolare per la rete dei negozi italiani di vicinato - commenta la presidente di Confesercenti, Patrizia De Luise -. Tanti vogliono comprare sotto casa, confermando l'utilità e il ruolo di servizio delle molte Pmi del commercio italiano. Imprese che hanno vissuto un autunno difficile, condizionato dall'aumento dei costi e dal rallentamento della spesa delle famiglie».

A cura della redazione
stats