acquisiti oltre 10 milioni di nuovi clienti

Zalando cresce di quasi il 30% nel 2021: «Entro il 2025 Gmv oltre i 30 miliardi»

Parlano di una crescita più veloce del previsto, i vertici di Zalando, commentando i dati del 2021. un anno archiviato con ricavi pari a 10,4 miliardi di euro (+29,7%) e con un Gmv cresciuto del 34,1%, a quota 14,3 miliardi. L'ebit rettificato si è attestato a 468,4 milioni di euro, con un margine del 4,5%.

L'incremento del Gmv non si fermerà, posizionandosi su un +16-23% nel 2022, a 16,6-17,6 miliardi di euro e proiettandosi verso oltre 30 miliardi entro il 2025. Nell'anno in corso il fatturato dovrebbe salire a 11,6-12,3 miliardi (+12-29%), mentre per l'ebit rettificato si prevede una cifra tra 430 e 510 milioni. Le aspettative, come precisa un comunicato, escludono un potenziale impatto negativo della guerra in Ucraina.

Il co-ceo di Zalando, Robert Gentz, si dice molto soddisfatto. «Abbiamo la giusta strategia in atto - afferma - per avere successo, indipendentemente dall'ambiente di mercato».

Nel fiscal year l'e-tailer ha acquisito più di 10 milioni di nuovi clienti e ampliato in modo significativo la sua portata, per servire oltre 48 milioni di clienti attivi in 23 mercati, inclusi sei nuovi: Croazia, Estonia, Lettonia, Lituania, Slovacchia, Slovenia. Gli ordini hanno registrato i massimi storici, con una media di 5,2 ordini per cliente attivo.

Gentz si è soffermato sul programma di adesione Zalando Plus, che offre ai consumatori un servizio e un'experience migliori, a fronte di un fee annuale. I membri di Plus, come si legge in una nota, visitano il sito con una frequenza due volte maggiore e spendono tre volte di più rispetto a coloro che non beneficiano dell'abbonamento: a inizio 2022 hanno superato il milione e dopo l'espansione del programma in Olanda, Francia e Italia i Paesi - attualmente quattro - verranno raddoppiati entro fine 2023.

A oggi i brand partner della piattaforma superano i 5.800 e i negozi sfiorano le 7mila unità. «I nostri partner - commenta il coo David Schröder - hanno accesso a oltre 48 milioni di clienti attivi. D'altro canto, i clienti possono trovare facilmente sia i marchi locali che quelli internazionali».

Quanto all'Italia, Riccardo Vola (gm Italy and Spain) lo definisce «un mercato chiave. Nell'ultimo anno abbiamo investito lanciando nuovi servizi, come Zalando Plus e Second Hand e ampliando l'offerta».

«Il 2021 - aggiunge Vola - ha visto l'importante lancio di Connected Retail, grazie a cui abbiamo consentito ai negozi italiani di raggiungere milioni di utenti tramite la nostra piattaforma. Quest'anno proseguiremo l'espansione di questo progetto per i punti vendita di tutta la Penisola, perfezionando l'esperienza di shopping per tutti i clienti».

Gli investimenti si concentreranno sulla rete logistica europea. Oggi l'azienda può contare su 12 centri di distribuzione in sette nazioni, cui se ne aggiungeranno quattro prima della fine del 2023, con una spesa in conto capitale totale tra i 400 e i 500 milioni di euro.

In primo piano inoltre l'ambiente: nel 2021 è stato aumentato l'assortimento di prodotti sostenibili a oltre 140mila articoli, dai precedenti 80mila. La vendita di queste proposte ha rappresentato il 21,6% del Gmv, +16% sul 2020. Nel 2022 la società si concentrerà sull'ottimizzazione degli imballaggi, la riduzione dello spazio vuoto nei pacchi, la minimizzazione dei rifiuti da imballaggio e il completamento del passaggio dai sacchetti di plastica a quelli di carta.

«Man mano che cresciamo - osserva il co-ceo David Schneider - vogliamo usare la nostra posizione di forza per guidare un cambiamento positivo nel settore moda. Nel 2022 lavoreremo ancora di più per raggiungere i nostri obiettivi in quest'ambito».

Nella foto, David Schneider e David Schröder durante la conferenza stampa di stamattina (ph. Zalando SE/Daniel Hofer)

a.b.
stats