acquisizioni

Adrian Cheng: dopo Moda Operandi investe in altre due piattaforme moda

Continuano gli investimenti di Adrian Cheng nel fashion. Tramite il fondo C Ventures,lanciato lo scorso ottobre, tocca ora a Finery e Undone, due piattaforme in sintonia con le nuove modalità di consumo dei Millennials e di quella che il giovane magnate chiama "Bat Generation", nata con i tre big cinesi della Rete Baidu, Alibaba e Tencent.

 

Dopo essere entrato nel capitale dell'e-tailer Moda Operandi e in altri brand e piattaforme dalla matrice tecnologica come Not Just a Label, Bandier, SkyBound,  e Beautycon (per citarne alcuni), Adrian Cheng - 38 anni - amplia ancora gli orizzonti, con l'obiettivo di creare un ecosistema di marchi mirati per i giovani cresciuti a pane e Internet.

 

Finery e Undone hanno tutte le carte in regola per stuzzicare il loro appetito per il digital e il lusso. Il primo è infatti un sistema di gestione degli inventari personali che digitalizza il guardaroba dell'utente e, in a base a questo, propone consigli di stile, collegandosi alle piattaforme di e-commerce, mentre il secondo permette agli appassionati di orologi di costruire e personalizzare segnatempo dalla fattura classica.

 

«Entrambi i brand - osserva Adrian Cheng, che lo scorso dicembre ha ricevuto il titolo di Officier de L'Ordre des Arts et des Lettres - hanno una proposition unica, che favorisce gli interessi e le necessità del pubblico dei Millennials e della Gen Z. Gli investimenti si basano anche sulla ferma convinzione di C Ventures nella connettività globale, che sarà fondamentale per il futuro della moda e i mercati di lifestyle».

 

stats