al mico di via gattamelata

Al via la 56esima edizione di Filo

Filo, salone internazionale dei filati e delle fibre, apre i battenti oggi, 29 settembre, per chiuderli domani.

Nuovo il layout nel centro espositivo MiCo di via Gattamelata a Milano, mentre il catalogo è doppio: oltre a quello usuale ce n'è uno green, dedicato alle aziende che aderiscono a FiloFlow, il progetto sostenibilità della rassegna. Queste ultime possono contare anche su uno spazio ad hoc all'interno dell'Area Tendenze.

Un debutto a questa 56esima edizione è la sezione Un Filo per la Maglia, che dà visibilità ai produttori di maglieria. Alla voce fibre, da segnalare l'adesione di Celc-Linen Dream Lab per quanto riguarda le naturali, e di due colossi come Asahi Kasei e Lenzing per le man made di derivazione sia naturale che sintetica.

La Networking Area - a sua volta una novità - ospita una serie di Dialoghi di Confronto, con le sfide sostenibili in primo piano.

Non mancano due mostre: la prima è un'installazione curata da Cittadellarte-Fondazione Pistoletto, un Terzo Paradiso sospeso realizzato in collaborazione con un'azienda sempre del distretto biellese; la seconda si intitola Ricucire il futuro. Omaggio a Chanel ed è frutto dell'impegno degli studenti dell'Its Tam, che rendendo omaggio allo stile di Coco Chanel fanno una riflessione sulle tematiche d'attualità nella moda.

Paolo Monfermoso, general manager di Filo, sottolinea che «la congiuntura degli ultimi mesi è stata ancora complessa per il nostro comparto, ma il desiderio di ripartire si percepisce chiaramente nelle imprese e la scelta di essere qui ne è una dimostrazione evidente».

L'imprenditore precisa che hanno risposto alla chiamata degli organizzatori anche diversi espositori stranieri, da Belgio, Francia, Grecia, Slovenia, Egitto, Turchia, Svizzera, Giappone e Cina. «Lo stesso dicasi per i buyer - aggiunge -. I dati sulle pre-registrazioni sono buoni e ci danno fiducia». Tra i compratori esteri una delegazione intervenuta grazie alla sinergia con Ice Agenzia, che ha fatto confluire al MiCo operatori francesi, portoghesi, turchi, sloveni, svizzeri, britannici e dal Mozambico.

Pur nella consapevolezza che l'evento fisico è irrinunciabile, esordisce in parallelo con il salone il marketplace e-Filo: 365 Days of Yarns, «un progetto in cui crediamo molto, che ha avuto un'ottima accoglienza».

In fiera anche l'assessore alla Formazione, Istruzione e Lavoro della Regione Piemonte, Elena Chiorino, «che dimostra l'attenzione delle istituzioni piemontesi verso un settore centrale dell'economia regionale e dell'Italia intera», conclude Monfermoso.

Le proposte sviluppo prodotto, elaborate da Gianni Bologna (responsabile della creatività e dello stile di Filo), scelgono il leitmotiv In Cerca di Autori ed esplorano le contaminazioni tra stili e progetti industriali solitamente lontani tra loro.

A cura della redazione
stats