Al Padiglione Visconti

Super: buyer italiani in progress, stranieri in leggero calo

Si è chiusa ieri, 22 settembre, l'edizione numero 14 di Super e la terza di scena in via Tortona. Sotto i riflettori le proposte per la primavera-estate 2020 di oltre 100 brand e designer, di cui oltre il 40% esteri. Presenti oltre 5.800 compratori, con i buyer internazionali in leggera flessione e gli italiani in progress di quasi l'1%.

 

Sono stati oltre 1.100 i buyer internazionali intervenuti (circa il 20% delle presenze) rispetto ai 1.200 di un anno fa. 50 in totale i Paesi di provenienza, con le performance migliori da Francia, Stati Uniti e Olanda e con Giappone, Germania e Grecia in calo.

 

La classifica dei 15 mercati principali di riferimento del salone vede comunque sempre in testa il Giappone, seguito da Francia, Spagna, Germania, Grecia, Stati Uniti, Svizzera, Cina, Russia, Corea, Austria, Olanda, Belgio, Regno Unito e Portogallo.

 

Tra i buyer intervenuti, sottolineano gli organizzatori, figurano i rappresentanti dei più importanti store a livello mondiale, come Neiman Marcus dagli Stati Uniti, Beams e Isetan dal Giappone, Brunschwig dalla Svizzera, Galeries Lafayette e Le Bon Marché dalla Francia, El Corte Inglés dalla Spagna, Harvey Nichols da Hong Kong per citarne alcuni.

 

Non sono mancati i migliori store italiani, fra cui cui Biffi Boutique, Bini Silvia Passeggiata, Dell'Oglio, Rinascente, Sugar e Tessabit.

 

«Qualche numero in meno nelle presenze estere riflette l’andamento dei mercati internazionali, ma il punto di forza del salone è la qualità di chi è intervenuto - sottolinea Agostino Poletto, direttore generale di Pitti Immagine -. In questi quattro giorni ne abbiamo incontrati tanti: mi riferisco ai migliori compratori italiani e internazionali. Tutti ci hanno detto di aver fatto un’esperienza di prodotto molto precisa: una “super showroom” che combina aziende di qualità, caspule di prodotto, progetti speciali e giovani talenti dai nuovi scenari, con una selezione e uno scouting che hanno soddisfatto in pieno le loro esigenze in questo momento del calendario».

 

Poletto ha inoltre tenuto a evidenziare gli apprezzamenti arrivati per i giovani selezionati dal progetto Super Talents in collaborazione con Vogue Italia, con il focus di questa edizione sull’accessorio luxury, per le collezioni creative dei designer armeni presentati in collaborazione con la Fashion & Design Chamber of Armenia e per i lanci di nuovi progetti e le partecipazioni speciali, una fra tutte quella di Vivetta con la sua nuova linea di calzature.

c.me.
stats