Al posto di Bric’s

Tod’s, Samsonite e Celine in gara per un negozio in Galleria

Sono Tod’s, Samsonite e Celine i marchi in lizza per aggiudicarsi gli spazi occupati da Bric’s nel Salotto di Milano. Chiuso il bando, sono infatti state aperte le buste dei partecipanti in corsa per il negozio con vista Ottagono.

Ora si entra nella fase successiva: la commissione giudicatrice esaminerà le offerte tecniche, assegnando loro un punteggio. In un secondo momento verranno valutate le offerte economiche, con una base d’asta di 722mila euro l’anno.

Lo spazio è stato messo a bando da Palazzo Marino nel novembre del 2021. Si tratta di una location di 249 metri quadri disposti su quattro livelli (piano interrato, piano terra con collegamento interno, soppalco e ammezzato), che andrà in concessione per 18 anni.

Nel bando è previsto che l’offerta dell’aggiudicatario resti valida fino al 31 dicembre 2022 per permettere a Bric’s di liberare gli spazi, anche se i tempi potrebbero essere più brevi, visto che nel giugno scorso il marchio di borse e scarpe ha messo la propria bandierina sui 100 metri quadri – sempre in Galleria  - occupati precedentemente da Zadi.

Non si tratta dell’unico turnover nel salotto di Milano. Nei giorni scorsi Chanel ha firmato per il negozio all’interno dell’ex Albergo Diurno Cobianchi, che la porterà a sborsare 1,3 milioni di euro di affitto l’anno, oltre agli 1,8 di investimento per il suo recupero.

La Galleria si conferma un asset proficuo per il Comune, visto che gli incassi previsti per il 2022, quando saranno a regime tutti i nuovi contratti, supereranno i 65 milioni di euro. Nel 2017 erano meno della metà.

a.t.
stats