Al via la 52esima edizione

Filo: focus sulla sostenibilità con FiloFlow

Parte oggi la 52esima edizione del salone internazionale dei filati e delle fibre, Filo, che fino a domani animerà Palazzo delle Stelline, a Milano, con 101 espositori e produttori tessili sempre più eco-friendly, di cui 30% stranieri e 70% italiani.

È proprio la sostenibilità il tema cardine di quest’anno nonché, del debuttante progetto di tracciatura della filiera FiloFlow, preannunciato durante lo scorso appuntamento della manifestazione svoltasi a marzo, che mette in evidenzia i processi di produzione e gli articoli amici dell’ambiente realizzati dagli espositori.

In occasione della conferenza stampa di questa mattina, Paolo Monfermoso, resposabile di Filo, ha illustrato i risultati della prima fase del progetto, derivati dall’analisi qualitativa e quantitativa di un questionario sottoposto alle aziende partecipanti (su 101 imprese, il 35% ha aderito).

Dai dati emersi dalle 52 domande suddivide in otto macrocategorie, circa l’80% delle aziende di filati produce in Italia, mentre circa il 55-45% tra Europa ed extra UE. Positivi sono anche i dati che riguardano la sostenibilità ambientale e i processi produttivi: sempre l’80% delle imprese utilizza materie prime originate dal riciclo e una percentuale ancora maggiore (circa l’87%) è dotata di un programma di chemical management o di tracciabilità.

Quella emersa è una visione complessiva che fa ben sperare, e forse anticipa, un cambiamento a monte di tutta la filiera, in ottica di vera economia circolare. Lo stesso Paolo Monfermoso ha confermato che: «questa è stata l’edizione zero per FiloFlow. Nei prossimi appuntamenti l’intento è quello di continuare il progetto e incrementare le aziende partecipanti, dedicando loro uno spazio all’interno dell’Area Tendenze».

Il salone ha accresciuto le collaborazioni, tra cui spiccano quella con Ice-Agenzia, Sistema Moda Italia, Milano Unica dove Filo sarà presente nell’Area Tendenze e Acimit.

«L’interesse per Filo e la sostenibilità è in crescita – ha continuato Paolo Monfermoso –. Lo dimostra la delegazione di buyer stranieri presenti in queste due giornate, provenienti da Francia, Gran Bretagna, Lituania, Paesi Bassi, Portogallo, Turchia e Usa».

Durante il salone gli espositori hanno modo di presentare i loro prodotti agli esperti del settore che assistono anche ai diversi eventi e talk organizzati, come il workshop di inaugurazione, Sostenibilità: un processo virtuoso, previsto oggi alle 18, che vede la presenza di Carlo Piacenza, presidente dell’Unione Industriale Biellese, Alessandra Tortona di Zdhc, Raffaella Carabelli di Acimit, Francesco Marconi di Quinto Ampliamento ed Eleonora Giada Pessina del progetto sostenibilità di Pirelli, oltre che di Paolo Monfermoso.

c.bo.
stats