Attesi 2mila partecipanti

Mapic Italy torna a Milano il 18 e 19 maggio

Mapic Italy, la fiera dedicata al mercato immobiliare commerciale italiano, dà appuntamento il 18 e 19 maggio al Superstudio Maxi di Milano. Alla sesta edizione dell’evento organizzato da RX France sono attesi circa 2mila partecipanti, di cui oltre 650 fra retailer, catene di ristorazione e operatori leisure.

«L’edizione 2022 di Mapic Italy - anticipa Francesco Pupillo (nella foto), show director Mapic, Mapic Italy, LeisurUp & TheHappetite - analizzerà i principali cambiamenti in atto nell’industria, dando la parola ai protagonisti di questa trasformazione. Mapic Italy guiderà i player del mercato nell’identificazione e nella scelta delle soluzioni e dei partner più idonei a dare nuova linfa al loro business, di fronte alle sfide del prossimo futuro. Sostenibilità, innovazione, nuove abitudini di vita e nuova etica dei consumi, concept emergenti, leisure e ristorazione saranno al centro dei dibattiti degli operatori nel corso delle due giornate di un evento da non mancare».

People, Planet, Profit: Navigating retail towards a more “human” world: questo il tema dell’edizione di maggio che si ripeterà anche al Mapic di Cannes in novembre.

«Potremmo riassumere il 2021 con la parola “recupero”, dato che l’industria dei centri commerciali in Italia ha recuperato completamente le perdite rispetto al 2020 e si avvicina sempre di più ai livelli pre-Covid - afferma Roberto Zoia, presidente del Cncc-Consiglio Nazionale dei Centri Commerciali e direttore Patrimonio, Sviluppo e Gestione Rete di Igd Siiq Spa (una delle principali società italiane del settore immobiliare retail) -. Con queste premesse sono ottimista per l’edizione 2022: sarà l’occasione per tutti i player di concentrarsi sulle prospettive del settore, guardando nuovamente a medio-lungo termine e oltre le dinamiche dell’emergenza sanitaria, traducendo in ottica di sempre maggiore sostenibilità, sia sociale che ambientale, l’evoluzione che la pandemia ha portato nel comportamento di consumo, nella digitalizzazione, nella fruizione degli spazi e nei nuovi bisogni delle comunità».

Gli spazi espositivi al Superstudio Maxi sono già quasi tutti opzionati, come spiegano gli organizzatori, che elencano fra le presenze confermate Bnp Paribas, Svicom, Pradera, Savills, Cbre, Eurocommercial Properties, Igd Siiq, Engel & Völkers, Cushman & Wakefield e Multi.

L’area espositiva prevede una zona destinata ai brand del food e del leisure, in più ci sarà un’area dedicata ai player dell’innovazione che sta trasformando la customer journey nei siti dello shopping e dell’intrattenimento.

"The new retail" è uno dei momenti di approfondimento, dove scoprire nuovi concept e format che rispondono ai nuovi bisogni e valori dei consumatori. In particolare, verranno presentati casi di brand che hanno fatto delle sostenibilità, del consumo responsabile, dell’inclusione un fattore di successo e sviluppo. Un altro tema è la sostenibilità e il come soddisfare i bisogni della generazione presente, senza compromettere quelli della generazione futura.

Altro focus è retail “esperienziale”, con lo sviluppo sempre più consistente della presenza di concept Leisure e Food che permettono di creare nuove coinvolgenti esperienze nei siti urbani e nei siti dello shopping.

Saranno oggetto di approfondimento pure l’evoluzione delle asset class tradizionali e lo sviluppo dei progetti a uso misto, dove il retail è solo uno dei servizi fruibili.

Non mancheranno, infine, le più recenti innovazioni digitali e tecnologiche, che permettono una sempre maggiore integrazione dei canali fisico e digitale, per offrire al consumatore una nuova “fluida” esperienza di shopping”.

e.f.
stats