chiusi anche gli altri negozi del gruppo

Calzedonia: saracinesche abbassate nelle zone rosse

Si moltiplicano le manifestazioni di solidarietà e di responsabilità da parte del mondo della moda, per far fronte all’emergenza coronavirus. Un messaggio incisivo arriva oggi dal Gruppo Calzedonia, che chiude tutti i propri negozi situati nelle zone rosse.

Una decisione che segue le indicazioni date dal governo per ridurre al minimo le occasioni di contagio e che riguarda le insegne CalzedoniaIntimissimiIntimissimi UomoTezenisFalconeriSignorvinoAtelier Emé e gli outlet.

«Poiché non vendiamo articoli di primaria necessità, ci è sembrato giusto cercare di fare quanto in nostro potere per tutelare al massimo la salute dei nostri clienti e dei dipendenti», è il commento di Sandro Veronesi, presidente di Calzedonia Group.

c.me.
stats