«Basta distruggere gli invenduti»

Il Senato francese approva la legge antisprechi

Presentata lo scorso 24 settembre in prima lettura, la legge anti sprechi (Loi Anti Gaspillage) è stata approvata dal Senato francese. Un passo avanti importante verso l'economia circolare. I punti chiave della legge sono fermare gli sprechi per tutelare le risorse, sollcitare gli industriali a sviluppare nuovi metodi di produzione, informare i cittadini ai fini di un consumo più responsabile, fino alla raccolta dei rifluti. Sarà vietata dunque la distruzione dei prodotti invenduti, che dovranno essere riutilizzati o riciclati.

 

La legge, che passerà all'esame dell'Assemblée nationale per l'approvazione definitiva entro la fine dell'anno, tocca un nervo scoperto nel mondo della moda, dopo i casi eclatanti di realtà del mondo del lusso che sono solite distruggere l'invenduto. Si calcola che in Francia vengano distrutte ogni anno tra le 10mila e le 20mila tonnellate di prodotti tessili.

 

Emblematico in Gran Bretagna il caso di Burberry, che aveva dichiarato di avere bruciato capi di abbigliamento per un valore di oltre 30 milioni di euro nel 2018. Una pratica alla quale ha successivamente dato uno stop. In questa ottica, la griffe ha appena siglato un un accordo con il reseller americano The RealReal, per incentivare i clienti a vendere i loro pezzi iconici sul markeplace dell’usato.

c.me.
stats