beauty

Il settore della cosmesi riprende sprint anche in Italia: +2,2%

Buone notizie dal mondo del beauty. Le rilevazioni del Centro Studi di Cosmetica Italia mostrano che il settore della bellezza è progredito anche sul fronte interno nel 2015, precisamente del 2,2%. L’export conferma il trend di sviluppo degli ultimi esercizi, mettendo a segno un +14,3%. Il fatturato globale del comparto oltrepassa i 10 miliardi di euro (+6,5%).

 

«La crescita delle esportazioni incide positivamente sulla bilancia commerciale, che raggiunge un dato record: 2 miliardi di euro - commenta Fabio Rossello, presidente di Cosmetica Italia -. In un clima che prevediamo di stabile ripresa nei prossimi anni, risulta strategica l’analisi dell’ecosistema digitale per intercettare i nuovi trend, avvicinare i consumatori e analizzare le reali necessità del mercato».

 

Secondo il Centro Studi di Cosmetica Italia, le vendite di cosmetici online hanno toccato i 170 milioni di euro nel 2015, con un andamento positivo analogo a quello delle vendite dirette, che hanno raggiunto un valore di oltre 720 milioni di euro (+11%).

 

Il canale delle farmacie progredisce dell’1,5% rispetto al 2014, attestandosi oltre i 1,8 miliardi di euro. L’attenzione del consumatore verso prodotti naturali è testimoniata dal buon andamento delle erboristerie, il cui business è in salita del 4,9%, per un fatturato che supera i 430 milioni di euro nel 2015.

 

Dopo alcuni esercizi in sofferenza torna a crescere pure il canale profumeria: nel 2015 migliora di un punto percentuale, per un valore di 2,078 miliardi di euro.

 

La grande distribuzione, che copre il 40% della vendita di cosmetici in Italia, è caratterizzata da un andamento a due velocità, con una diminuzione nelle grandi superfici e una crescita invece nelle catene specializzate del settore casa-toilette.

 

Unica nota dolente è la prosecuzione della contrazione dei canali professionali, seppur con alcuni segnali di rallentamento di questa parabola. Gli istituti di bellezza registrano infatti un -3,3% e i saloni di acconciatura un -2,2%. (nella foto, Giulia Elettra Gorietti a Cosmoprof per Cotril)

 

 

stats