BENE SIA L'ESTERO CHE L'ITALIA

Mipel chiude con un +19% di presenze

Presenze in aumento del 19% rispetto a un anno fa alla 116esima edizione del salone della pelletteria Mipella prima sotto la presidenza di Franco Gabbrielli e la quinta guidata da Danny D’Alessandro, d.g. di Assopellettieri e ceo della manifestazione.

Gli organizzatori non forniscono dati numerici, ma indicano un riscontro molto positivo da parte dei buyer dell’Ue e dei principali mercati mondiali di riferimento del comparto.

In particolare, per quanto riguarda l'Europa, si segnala un forte incremento di visitatori provenienti da Germania (+27,80%), Spagna (+23,16%), Regno Unito (+19,46%), Svizzera (+13,22%) e Francia (+8,44%).

Passando alle aree extra-Ue, sono da evidenziare le performance di Corea del Sud (17,58%) e Cina (+6,36%). Ma è il Giappone il primo Paese visitatore di Mipel, seguito dalla Federazione Russa. In leggero calo gli ingressi dagli Usa (-2,76%).

Buone notizie dall'Italia, con un +12,37%. Gabbrielli definisce questa 116esima edizione «eccezionale. Numeri a parte, espositori e buyer sono soddisfatti e questo è l’aspetto che a me interessa di più, il miglior biglietto da visita del nostro prodotto fieristico e ci dà il giusto stimolo per lavorare forte sul futuro».

A questo proposito, l'imprenditore e presidente di Assopellettieri preferisce mantenere la massima riservatezza ma afferma: «Mi piace stupire, con la convinzione che la moda è innovazione, coraggio e un pizzico di spregiudicatezza».

Il prossimo Mipel si svolgerà dal 16 al 19 febbraio 2020 sempre a Fieramilano-Rho, in concomitanza con Micam e Homi e in sovrapposizione con il primo giorno della fashion week.

a.b.
stats