Centro di aggregazione e commercio nel Quadrilatero

Ferragamo inaugura Portrait Milano: una nuova piazza, ma anche una shopping destination con Antonia

«Un grande albergo con servizi e negozi, ma soprattutto un luogo di incontro, grazie al cortile che sarà restituito ai milanesi e ospiterà anche molti eventi, diventando un passaggio pubblico pedonale tra corso Venezia e via Sant’Andrea». Chi meglio del sindaco di Milano Beppe Sala avrebbe potuto riassumere in poche parole un progetto durato anni come Portrait Milano, che di fatto ridisegna il centro della città?

Il progetto immobiliare della famiglia Ferragamo è stato inaugurato oggi, 14 dicembre, con una cerimonia che ha visto la consegna delle chiavi di Portrait Milano al primo cittadino da parte del presidente della Lungarno Collection, Leonardo Ferragamo, che con questo gesto simbolico ha di fatto donato alla città un nuovo centro di aggregazione, commercio e cultura.

«Certo - ha osservato Sala - si tratta di un luogo per un turismo di alto livello, quindi per un certo tipo di clientela, però ci lavora chi ne ha bisogno. Il lusso va visto con quest’occhio, porta lavoro a una città che ne è sempre alla ricerca». Rivendica il ruolo democratico della nuova location lo stesso Leonardo Ferragamo, presidente della nota casa di moda, che definisce la piazza del Quadrilatero,«un meraviglioso cortile che potrà essere vivibile da tanti».

Superato il portale barocco di Francesco Maria Richini, la Piazza del Quadrilatero si apre nella sua maestosità, estendendosi su oltre 2.800 metri quadrati e diventando da oggi un luogo aperto: una nuova passeggiata, come si diceva, che mette in comunicazione corso Venezia con via Sant’Andrea e che, dando accesso anche al colonnato seicentesco, vede la presenza di ristoranti, bar e boutique, a cominciare dal secondo negozio cittadino di Antonia, dopo lo spazio di Brera.

Per gli appassionati di moda sarà proprio la boutique che fa capo ad Antonia Giacinti e Maurizio Purificato la prima motivazione per spingersi in questo inedito angolo di città. «È un progetto a cui abbiamo lavorato per anni - racconta a fashionmagazine.it Giacinti - e che abbiamo voluto fortemente distinguere dal negozio di via Cusani».

In comune le due door hanno l’architetto che le ha disegnate, Vincenzo De Cotiis, e una manciata di brand, ma in generale la stock list è differente e include nomi come Azzedine Alaïa, The Row, Alexandra Rich, Jacquemus, Greg Lauren, The Attico e Amina Muaddi, «che sarà la protagonista di uno dei nostri corner per almeno due anni», anticipa Giacinti illustrando l’offerta del nuovo spazio di quasi 3mila metri qaudrati.  

«Alcuni brand presenteranno limited edition soltanto per noi», conclude Purificato, annunciando che nelle prossime settimane debutteranno progetti in colab con Valentino, Valextra, Loro Piana, Loewe, Mugler Coperni.

an.bi.
stats