con terranova, calliope, rinascimento

Gruppo Teddy: «Archivieremo il 2019 con circa 90 nuove aperture»

Teddy, gruppo del fast fashion da 642 milioni di euro di fatturato, si prepara a raggiungere entro fine dicembre quota 87 nuovi negozi aperti nel corso dell'anno con le insegne Terranova, Calliope e Rinascimento.

La maggior parte dei new opening (70%) è stata realizzata con la formula del franchising conto vendita.

«Secondo i dati di Confimprese - si legge in un comunicato - nel terzo trimestre 2019 le aperture di punti vendita retail hanno subito un rallentamento del 10%. Terranova, Calliope e Rinascimento sono andati in controtendenza».

39 di queste inaugurazioni si sono concentrate nel periodo compreso tra settembre e dicembre, tra cui quelle riguardanti Terranova nel Centro ed Est Europa.

In particolare, a Mosca il marchio si è insediato con uno spazio di oltre 1.000 metri quadri all'interno del centro commerciale Mega Khimki, mentre la location scelta per Varsavia è lo Zlote Tarasy. Risale a pochi giorni fa il taglio del nastro presso il Donauzentrum di Vienna, mentre è imminente l'approdo di Terranova al Grand Place di Grenoble.

Passando a Rinascimento, la strategia distributiva si è sviluppata sia sul canale wholesale, che sul retail: 13 monomarca sono stati avviati nel corso del 2019 grazie anche alla formula Fits You, che consente ai clienti di affiliarsi tramite una modalità commerciale che permette di usufruire in modo personalizzato del know-how, del format ufficiale del brand e di una serie di servizi commerciali.

Infine Calliope: uno degli highlight dell'anno è stato il lancio della collezione di kidswear, il che ha comportato una maggiore dimensione degli store, intorno ai 750 metri quadri.

Pierluigi Marinelli, direttore sviluppo del Gruppo Teddy, spiega che «nel 2019 è giunto a compimento il nostro piano quinquennale di aperture, che ha comportato un investimento di oltre 100 milioni di euro dal 2015 a oggi».

Un periodo in cui, come sottolinea Marinelli, «abbiamo centrato importanti obiettivi, quali il riposizionamento della rete con superfici più ampie, l'ottimizzazione dei mercati dove siamo presenti, il rinnovamento di layout e format dei tre marchi e il focus sulla fidelizzazione del cliente, tramite la tecnologia e i servizi omnicanale».   

a.b.
stats