CONTINUA LA CORSA del big del fast fashion

Shein rafforza la logistica: 2 miliardi per un nuovo hub in Cina

Shein mostra i muscoli. L’e-tailer cinese specialista nella moda fast fashion ha deciso di investire 15 miliardi di yuan, corrispondenti a poco più di 2 miliardi di euro, per la costruzione di un nuovo centro logistico a Guangzhou.

Secondo un documento ufficiale pubblicato dalla Commissione regionale cinese per lo sviluppo, il progetto dovrebbe riguardare una superficie grande come tre campi da calcio.

Un’altra freccia all’arco per l’e-commerce fondato da Chris Xu nel 2008, che deve gran parte della sua crescita ai capi super low cost e a un modello produttivo ultraveloce, che si avvale di una relazione real time con circa 3mila fornitori, di circa 1.400 nella sola regione di Guangzhou.

Il mese scorso, il gruppo ha iniziato a studiare la possibilità di quotarsi alla Borsa di New York: se l’operazione andasse in porto, si tratterebbe della più grande Ipo realizzata da una società cinese sul listino americano.

L'azienda con sede a Nanjing è uno dei più grandi marketplace di moda online del mondo. Vende esclusivamente all’estero e gli Stati Uniti rappresentano il suo più grande mercato.

Nell’anno appena concluso, complice anche la pandemia, ha generato ricavi per 100 miliardi di yuan (circa 14 miliardi di euro).

Reuters ha evidenziato che all’inizio del 2021 la valutazione della società era di circa 50 miliardi di dollari e che nel giro di un anno è quasi raddoppiata.


a.t.
stats