Dal 15 al 17 giugno agli East End Studios

Misaf: il salone delle calzature made in Asia pronto al debutto a Milano


Si scaldano i motori in vista dell'edizione di debutto di Misaf, Milan Shoes and Accessories Fair, di scena dal 15 al 17 giugno presso lo Studio Novanta (East Est Studios),  in via Mecenate 88/A. Un appuntamento con il meglio della produzione calzaturiera asiatica di volume, in grado di conciliare design, qualità e prezzo. Oltre 100 gli espositori e migliaia le scarpe esposte.

 

Il salone, che si completa con un nutrito calendario di convegni, incontri e seminari, nasce per far confrontare i produttori in arrivo dal Far East con il mercato italiano e quello europeo, in un'ottica di collaborazione reciproca e di interscambi. Una scelta mirata, dopo l'uscita del comparto cinese dall'arena del basso valore aggiunto verso il target medio.

 

Alla rassegna - organizzata dalla Camera di Commercio Cinese per l'Import e l'Export di Calzature e da Plum Solution, realtà che favorisce gli interscambi tra Cina ed Europa - sono attesi buyer, agenti, distributori, import ed export, realtà dell'e-commerce, brand, grossisti, negozi in franchising, grandi magazzini, centri commerciali, negozi di articoli sportivi, associazioni di categoria, aziende produttrici, istituti di design e designer.

 

A tutti è offerta la chance di visionare e selezionare prodotti all’interno di un’ampia gamma di collezioni di calzature e accessori, proposte dagli espositori asiatici, in particolare cinesi.

 

Un'occasione per conoscere le produzioni e lo stile cinese, nonché per scoprire il potenziale dell'industria calzaturiera locale, fatta di industrie su vasta scala, attenzione alla qualità e focus su prezzi convenienti: calzature adatte alla distribuzione su larga scala, ma anche realtà che hanno marchi propri riconosciuti e apprezzati in Cina.

 

Realtà come il gruppo Kangnai, uno dei produttori di calzature maschili più importanti della Cina, con centinaia di punti vendita e collaborazioni con famosi brand; Clorts, marchio giovanile che si occupa di ricerca e sviluppo e di applicazioni innovative per calzature sportive e outdoor; Sheme, primo brand di lusso cinese a partecipare alle Fashion week di Parigi, Londra e New York.

 

Tra gli ingressi più recenti c'è anche Wenzhou Huadeli Shoes Co., Ltd, un’azienda hi-tech specializzata in pantofole, stivali da neve e scarpe in pelle, in grado di produrre 5 milioni di paia di calzature all’anno.

 

Alla cerimonia di inaugurazione, il 15 giugno, sono attesi i rappresentanti delle istituzioni locali, di varie associazioni di categoria e delle istituzioni cinesi. Tra questi ultimi, il vice presidente della Camera di Commercio Cinese per l’import e l’export delle calzature, Zhang Jie; il direttore generale del dipartimento di Sviluppo Commerciale del Ministero del Commercio della Repubblica Popolare Cinese, Wu Zhengping e il console Economico Commerciale Cinese a Milano, Li Shaofeng.

 

Tra gli incontri, da non perdere il convegno in calendario il 15 giugno sull’Evoluzione del settore calzaturiero e le sfide strategiche omnicanale a cura di Renato Fiocca, professore ordinario di marketing presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore e direttore di Centrimark e di Lala Hu, docente e ricercatrice di marketing presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano.

 

L'indomani, 16 giugno, appuntamento con lo shoe e leather designer Sergio Belloni, (docente presso MPA Milano) che illustrerà tendenze e anticipazioni delle stagioni primavera/estate 2020 e autunno/invero 2020-21. Il 17 sarà dato spazio a shoe designer italiani e ad alcune scuole italiane di formazione professionale calzaturiera.

c.me.
stats