Dal 25 al 27 settembre

Conto alla rovescia per Chic, la fiera di moda di Shanghai

Shanghai per la seconda volta quest’anno si anima: al via dal 25 al 27 settembre la prossima edizione di Chic, l’international fashion fair che darà la possibilità a circa 800 brand, nazionali e non, di presentarsi davanti a buyer e player della distribuzione presso il National Exhibition and Convention Centre.

In un Paese in cui la crescita economica è del 6%, nonostante un rallentamento, Chic è il punto di incontro per coloro che vogliono ampliare il proprio business, dalle collaborazioni internazionali alle crossover cooperation, focalizzandosi sui consumatori del futuro quali Millennials e Gen-Z. Secondo una stima di Bcg, infatti, le spese di questo target sono destinate a raggiungere un valore di 2.6 trilioni di dollari entro il 2021 (+9% rispetto al 2011).

Dati alla mano, il luxury è il segmento dominante in Cina, con un volume di 110 miliardi di euro, e Chic intende continuare a essere una vera vetrina del fashion business: si stima che nel 2024 il 41% dei consumi dell’alta gamma sarà in questo Paese. Per questa edizione è prevista un’organizzazione strategica, e tematica, che darà una visione a 360 gradi sulle ultime tendenze del mercato.

E se di trend si parla, il tema della sostenibilità non può mancare. Con lo spazio Sustainable Zone si guarderà sia ai passi compiuti negli ultimi 70 anni, sia alle future possibilità di sviluppo, in linea con la forte coscienza dei nuovi consumatori Gen-Z attenti all’ambiente.

Sono previste inoltre sezioni specializzate come Secret Stars, dedicata agli accessori, New Look e Urban View, per la moda femminile e maschile, o Future Link, dove la tecnologia è protagonista.

A settembre Chic ospita regolarmente 60mila visitatori provenienti da tutta la Cina che per questa edizione, insieme agli espositori, potranno partecipare anche ai numerosi Chic Talks e Chic Shows, organizzati con l’intento di migliorare il networking e lo sviluppo di idee creative.

c.bo.
stats