Dal 3 al 5 settembre

Munich Fabric Start: il salone del tessile torna con Bluezone, Keyhouse e l'Area Sourcing

Al via la fiera bavarese del tessile Munich Fabric Start che, con la Bluezone sul denim e la Keyhouse su sostenibilità, innovazione e smart textile, anima il centro espositivo Moc e la Zenith Halle di Monaco: dal 3 al 5 settembre circa un migliaio di espositori presentano le loro creazioni davanti agli attesi 20mila visitatori professionali.

Per l’edizione odierna il format è stato ampliato e integrato con diverse sezioni ed eventi che fanno da trait d’union con le tematiche di sostenibilità, digitalizzazione e innovazione.

«Negli ultimi anni abbiamo gradualmente ampliato il nostro spazio espositivo - spiega Sebastian Klinder, direttore generale di Munich Fabric Start -. Abbiamo integrato la Bluezone con Catalyzer, dove si possono ammirare tutte le novità sul denim progettati secondo sostenibilità e innovazione, investito nella Keyhouse come think tank e ora rilanciamo l’Area Sourcing».

Quest’ultima sezione, nella nuova Hall 8 del Business Club di Monaco di recente apertura di fronte al Moc, punta a rispondere alla crescente domanda di servizi manifatturieri. 80 produttori di abbigliamento internazionali presentano qui i loro servizi per l'abbigliamento femminile, maschile, accessori, corporate, couture e su misura.

La Keyhouse esplora invece le applicazioni high-tech nel mondo del fashion: dalla digitalizzazione, alla ricerca di nuovi materiali e processi produttivi.

Nei giorni della manifestazione spicca il già citato salone nel salone Bluezone (dal 3 al 4 settembre): dedicato al mondo del denim, porta sotto i riflettori oltre 100 brand internazionali e con il progetto All Related Collab ospita otto team di lavoro composti da designer internazionali, produttori e fornitori di tessuti, che collaborano fornendo una personale visione del concetto di sustainable denim.

Durante questa edizione di Munich Fabric Start sono previsti numerosi panel, forum e seminari, alcuni dei quali tenuti da esperti internazionali come Simon Angel (con Sustainable Innovation), Li Edelkoort, Muchaneta Kapfunde, Natasha Franck, Pauline van Dongen e molti altri. Torna inoltre alla ribalta, per la settima volta, l’High-Tex Award che premia le aziende più all'avanguardia.

c.bo.
stats