DOPO LO STOP AI PELLAMI ESOTICI

Chanel scommette sulla startup sostenibile Sulapac

Chanel in prima linea nella sostenibilità: dopo aver annunciato l'abbandono dei pellami esotici nelle sue collezioni, ora la griffe francese acquisisce tramite la sua società Chanel Parfums Beauté una quota di una startup finlandese, Sulapac.

Un'azienda fondata a Helsinki nel 2016 dalle biochimiche Suvi Haimi e Laura Kyllönen, che realizza materiali biodegradabili privi di microplastiche, sostituite da trucioli di legno certificati Fsc e leganti naturali.

Un impegno che è valso alle fondatrici diversi premi - tra cui il Green Alley Award -, la sovvenzione Horizon 2020 dell'Unione Europea per le piccole-medie imprese e ora l'attenzione da parte di una griffe di prima grandezza nel mondo del lusso.

La sinergia con Chanel darà un impulso decisivo all'attività di Sulapac, attualmente focalizzata su packaging e vasetti usati per la cosmesi, settore che come è noto di plastica per i suoi contenitori ne utilizza davvero tanta.

a.b.
stats