Durante i lavori in palazzo Taverna

Louis Vuitton riporta a nuova vita l’ex Garage Traversi con i pois di Yayoi Kusama

Con una pioggia di pois, che inneggiano alla colab con Yayoi Kusama, Louis Vuitton ha riportato a nuova vita nel cuore di Milano l’ex Garage Traversi di piazza San Babila. L’edificio ospita uno spazio temporary della griffe, in attesa dei lavori di ristrutturazione della storica sede di Palazzo Taverna in via Montenapoleone.

Realizzato nel 1939 su progetto dell’architetto Giuseppe de Min, l’edificio ha ospitato la prima autorimessa multipiano milanese ed è un esempio emblematico di architettura razionalista. Ora torna ad animarsi, accogliendo su tre livelli il mondo di Louis Vuitton e i suoi progetti speciali, dopo che già lo scorso giugno, in occasione della settimana del design, la griffe aveva presentato qui la sua collezione Objects Nomades.

Una vivace gradazione che va dal giallo al fucsia caratterizza il piano terra, dedicato all’universo femminile, mentre un intenso blu klein pervade il secondo, dedicato alle collezioni maschili. Il primo piano è il regno dei progetti speciali, con una schedule che prevede pop up immersivi e mostre di carattere artistico e culturale.

Il concept è stato studiato per esaltare e preservare l’immagine del palazzo tramite l’utilizzo di un sistema di pareti curve, che lasciano a vista le travi a ventaglio in cemento armato, e invita all’experience grazie ad arredi vintage del design italiano, opere d’arte, oggetti in arrivo dall’archivio storico di Louis Vuitton.

A disposizione dei clienti l’offerta completa di pelletteria, articoli da viaggio, tessili, orologi, gioielli, accessori, fragranze, calzature femminili e maschili.

A inaugurare lo spazio dedicato ai progetti speciali c’è l’allestimento immersivo ideato in concomitanza con il lancio mondiale della collezione Louis Vuitton x Yayoi Kusama. Un concept in cui a dominare sono gli Infinity Dots gialli e neri e le maxi sfere, tipici dell’artista giapponese, insieme agli altri suoi motivi ricorrenti.

Questi ultimi invadono il piano e contaminano l’intero edificio, la cui facciata è caratterizzata dalle vetrine con i pois gialli e neri, per arrivare alla terrazza, dove campeggiano tre zucche giganti dai colori accesi, ispirate al tema Pumpkins dell’artista.

Una vera e propria invasione di colore destinata a dilagare ulteriormente in piazza San Babila nei prossimi giorni. Da domani, 10 gennaio, il chiosco di fiori sarà infatti ricoperto di pois, mentre tre sculture a forma di zucca, realizzate sempre dallo studio Kusama, spiccheranno sulle collinette progettate dall’architetto Caccia Dominioni a partire dal 13 gennaio.

c.me.
stats