The Runway Report Fall Winter 2020

Moda Operandi rileva le nuove abitudini nei consumi di lusso

Anche se in quarantena gli amanti del lusso non passano al low cost. Semplicemente cambiano il mix del carrello online, pensando già alle vacanze e al prossimo inverno, magari da affrontare con tacchi a spillo tempestati di perle e cristalli o con più pratici comfy boot.

Lo evidenzia una ricerca del fashion e-commerce Moda Operandi alla sua terza edizione - The Runway Report Fall Winter 2020 – avviata allo scopo di capire come le disposizioni governative per arginare l'espansione del Covid-19 stanno impattando sul luxury fashion e come cambiano i comportamenti d'acquisto degli shopper sul web.

L'e-tailer americano, che di recente ha deciso di dedicarsi solo al womenswear, propone un'analisi quantitativa, basata sulle visualizzazioni e gli acquisti sulla piattaforma, ma anche (per la prima volta) qualitativa, includendo un sondaggio commissionato in gennaio a The Harris Poll e somministrato a 1.500 americane tra i 18 e i 60 anni. Il risultato più eclatante, come sottolinea Ganesh Srivats, ceo di Moda Operandi, è che oltre il 70% del panel preferisce investire in qualità che in quantità, quando si tratta del proprio guardaroba.

L'esame dei dati parte dal 9 marzo, due giorni prima della dichiarazione di pandemia da parte dell'Organizzazione Mondiale della Sanità, e dura quattro settimane, confrontate con le quattro settimane precedenti. In marzo il sito ha registrato un lievissimo incremento (entro lo 0,3%) dello shopping di lusso, rispetto al mese precedente, in California, Florida, Texas ed Europa, a fronte di un leggero calo (entro lo 0,3%) in UK, nello stato di New York e nell'Illinois. In aprile l'andamento risulta in lieve discesa ovunque ma soprattutto in Texas e Regno Unito (entro lo 0,4%).

Gli e-shopper che hanno comprato a prezzo pieno hanno optato per proposte che mantengono il loro valore nel lungo periodo, oppure per quelle connesse a iniziative charity legate all'emergenza sanitaria. "Shop for a Cause" per esempio, lanciata da Moda Operandi con alcuni brand partner, ha permesso di raccogliere 100mila dollari ma anche di intercettare nuovi consumatori o clienti non assidui (il 34% di quelli che hanno acquistato capi "Shop for a Cause"). Gli acquisti d'impulso, invece, hanno riguardato soprattutto le promozioni.

Ma quali sono i bestseller dal 9 marzo? Come è emerso anche da altre analisi online pubblicate da fashionmagazine.it, la comodità tra le mura domestiche va per la maggiore: fa un balzo in avanti dell'85% la categoria "sweatpants" con in cima alla lista delle preferenze degli utenti di Moda Operandi il marchio Madeleine Thompson, specialista del cashmere. Ai piedi vanno forte le sneaker Balenciaga Track Logo Mes, che hanno messo a segno un +67% degli ordini.

Cresce a cifra doppia il resort-wear con in testa i maxi dress di Jacquemus e l'iconico abito a stampa jungle Versace portato in passerella da J. Lo.

Sul fronte borse, di settimana in settimana si riconferma un must have Bottega Veneta: tra i primi 10 bestseller della categoria, nove sono firmati dal marchio italiano di prorietà del gruppo francese Kering. Dai post sul suo profilo Instagram Moda Operandi ha rilevato inoltre che il beachwear più apprezzato è quello glitterato e color-blocked (51mila like). C'è stato un boom pure dell'home decor (+80% fra piatti, bicchieri, candele, libri di cucina) e dei gioielli (+35%).

Per quanto riguarda gli acquisti della stagione autunno-inverno, adesso vanno a ruba gli stiletti Crystal Satin del marchio di Tbilisi Mach & Mach (960 dollari, il prezzo attuale online, nella foto in alto) ma anche gli abiti di The Bar, marchio di New York fondato da Bridget Helene Bahl e qualli di Dion Lee e Valentino. La maison italiana si mette in luce anche per i boot, che il prossimo inverno saranno soprattutto comfy e in stile militare. Il capospalla più venduto finora è il peacot One-of-a-Kind a marchio Gabriela Hearst.

Il 31% delle intervistate dice voler investire prossimamente in stivaletti di buona qualità, un altro 26% vuole acquistare un cappotto invernale e il 23% desidera comprare jeans.

Moda Operandi è stato lanciato nel 2011 da Lauren Santo Domingo e Aslaug Magnusdottir. Ha clienti in 125 Paesi che acquistano brand noti e stilisti emergenti e nasce con l'idea di vendere in tempo reale i capi sulle passerelle delle principali fashion week. Tra i sogni nel cassetto l'approdo in Cina. 

e.f.
stats