Eurostat pubblica il dato di aprile

Tessile-moda: la caduta delle vendite nell'euro zona decelera

Eurostat pubblica il trend delle vendite retail in aprile (nel grafico in alto). Quello del tessile, moda e calzature è il settore più colpito dal lockdown dopo il carburante, ma la discesa perde accelerazione. Il comparto registra un -20,9% nella zona euro, mentre in marzo la flessione era stata del 54,7%, dopo un bimestre non eclatante (-1,1% in febbraio e crescita zero a gennaio 2020).

Il totale retail ha accusato un -11,7% in aprile, dal -19,6% di marzo, oltre le stime degli economisti sentiti da Reuters, che prevedevano un -15% e un -22,3% rispettivamente.

Se si amplia l'analisi dai 19 Paesi con l'euro ai 27 Paesi dell'Unione europea il quadro non cambia molto per tessile-moda-footwear: -21,2% la discesa di aprile, contro il -54,1% del mese prima (-0,7% e +0,4% rispettivamente nei due mesi precedenti). Il retail nel suo complesso segna invece un -11,1%.

Confrontando l'andamento mensile con l'aprile 2019 il fatturato retail del settore accusa un -63,5% nella zona euro, dopo il -56,2% di marzo e contro il -19,6% della media. Nell'Ue a 27 la caduta delle vendite risulta del 62,8%, dal -18% della media di tutti i settori.

e.f.
stats