fare sistema

È accordo sul maxi evento a Milano: da settembre fiere e sfilate insieme

Da settembre 2017 Milano riunirà tutta l’offerta della moda made in Italy, visto che le fiere degli accessori si terranno in città, in concomitanza con la Fashion Week della moda femminile. Anche i settori che tengono abitualmente le loro rassegne in altre sedi o in altri periodi saranno presenti, con installazioni ed eventi aperti alla città, firmati da Davide Rampello.

 

È quanto emerso  durante la riunione del Tavolo della Moda, che riunisce la grande maggioranza delle organizzazione di settore, svoltasi oggi (9 febbraio) al Ministero dello Sviluppo Economico e presieduta dal Sottosegretario Ivan Scalfarotto.

 

Verrà firmata a breve un'intesa tra il Ministero dello Sviluppo Economico e il Comune di Milano per il coordinamento e la valorizzazione di queste partecipazioni e delle iniziative collegate.

 

«La complessità e l’articolazione della platea degli acquirenti dei diversi settori - ha dichiarato Scalfarotto - sono motivo di ulteriore pregio per un’iniziativa che mette in scena il made in Italy nella sua ampiezza e che rappresenta un significativo punto di svolta, con importanti ricadute positive per tutti».

 

Un progetto condiviso in pieno da Cristina Tajani, assessore alle Politiche del Lavoro, Attività Produttive, Moda e Design di Palazzo Marino, che ha dichiarato: «Grazie al tavolo moda siamo al lavoro per far raggiungere a Milano la leadership internazionale che le spetta nel settore del fashion, forti di essere l’unica vetrina capace di mettere a disposizione degli operatori tutta la filiera produttiva, dal filato al prodotto finito».

 

«Stiamo lavorando con tutti gli operatori - ha concluso - affinché, da settembre 2017, si possa parlare del comparto moda italiano non solo in termini di creatività e dimensione estetica, ma soprattutto di un sistema di fliera» (nella foto, Prada per la primavera-estate 2017).

 

 

stats