I cinesi trainano gli acquisti

Global Blue: il Tax Free Shopping cresce double digit a Roma

In un momento positivo per il Tax Free Shopping, Roma si allinea al trend del Paese, soprattutto grazie agli acquisti targati "celeste impero". Secondo i dati di Global Blue, nel periodo gennaio-maggio 2019 nella Capitale le vendite tax free sono cresciute del 10%, con uno scontrino medio di 940 euro (+8%). A fare la parte del leone sono i turisti cinesi, con un peso del 27% sul totale delle vendite e con lo scontrino medio più alto (1.425 euro).

 

A seguire, con una quota del 13% sul totale, ci sono i turisti russi (con un +25% e 734 euro), e gli statunitensi, con un peso del 10% e una media degli acquisti di 1.069 euro.

 

Interessante il trend dei visitatori dagli Oil Countries (Emirati Arabi Uniti, Qatar, Arabia Saudita e Quwait) e dal Giappone. Anche se il peso di queste due aree sul mercato tax free è ridotto, con il 6% e il 7% del totale rispettivamente, queste due nazionalità hanno fatto registrare un incremento delle vendite del 45% e del 31%, con i mediorientali che vantano uno scontrino medio di 1.329 euro.

 

Tra gli "emerging shoppers", Global Blue segnala quelli provenienti da Hong Kong e da Taiwan. Nei primi cinque mesi del 2019 i primi - che coprono il 3% del totale delle vendite - hanno messo a segno un +48% del numero di acquisti e un valore dello scontrino medio in progress del 36%, a sfiorare i 2.605 euro. Più contenuti i rialzi fatti registrare dai turisti da Taiwan, con un +17% degli acquisti e una spesa media in aumento dell’8%, a 926 euro.

 

L'andamento dello shopping esentasse nella Capitale riflette quello emerso in tutto il Paese nel medesimo periodo, come è stato sottolineato oggi, 3 luglio, nel corso del Breakfast nella lounge di Global Blue a Roma, in piazza di Spagna.

 

Nei primi cinque mesi del 2019, infatti, complici in primis i tassi di cambio favorevoli per le principali valute, le vendite tax free in Italia sono salite del 13% rispetto all'analogo periodo del 2018, capitanate da cinesi (29% sul totale degli acquisti tax free), russi (12%) e statunitensi (8%). In progressione anche anche la spesa media dei Globe Shopper, con un rialzo complessivo del 9%, a 943 euro.

 

All'incontro in piazza di Spagna è intervenuto anche Francesco Pesenti Barili, senior market representative di UnionPay, il circuito di carte di pagamento al top nel mondo per numero di carte circolanti, emesse in 52 paesi e regions, accettate in 174, con una copertura pari a 55 milioni di esercenti e 2,9 milioni di sportelli ATM.

c.me.
stats