Il Capodanno frena le presenze cinesi

6mila aziende visitatrici alla 28esima Milano Unica

Milano Unica - il salone tessile che ha chiuso i battenti ieri a Fieramilano Rho - conclude la 28esima edizione con un'affluenza stabile di aziende visitatrici, a quota 6mila.

«La concomitanza dei festeggiamenti per il Capodanno cinese - specificano i portavoce della manifestazione - ha penalizzato le presenze dalla Repubblica Popolare. Tuttavia, il calo è stato in larga misura recuperato dalle presenze coreane e giapponesi e dal complessivo buon andamento sul fronte europeo».

«La ricchezza delle collezioni - commenta il presidente della rassegna, Ercole Botto Poala - ha trovato riscontro nella soddisfacente partecipazione di buyer italiani ed esteri, in controtendenza con altre fiere di settore. Molti espositori si sono detti soddisfatti del numero e della qualità dei contatti realizzati. Da più parti è stato apprezzato l’arricchimento di contenuti non solo nella tradizionale Area Tendenze (nella foto) ma anche su temi strategici come il Progetto Sostenibilità e la sfida digitale che Milano Unica ha deciso di affrontare in collaborazione con Pitti Immagine».

Da segnalare anche la presenza all'interno del salone di Filo: per la terza volta questa rassegna, che si svolgerà alle Stelline di Milano il 27 e 28 febbraio prossimi, ha allestito uno spazio presso l'Area Tendenze, «permettendoci - ha fatto notare il responsabile di Filo, Paolo Monfermoso - di comunicare i contenuti del nostro evento a una platea più ampia di professionisti, con ricadute positive sulle visite all'appuntamento delle Stelline. In più, portare i filati degli espositori di Filo a Milano Unica è il modo migliore per sottolineare l'unicità della filiera tessile italiana».

La prossima Milano Unica è in programma dal 9 all’11 luglio mentre a breve, a Shanghai, torna Milano Unica Cina: la 15esima edizione è dal 12 al 14 marzo, in sinergia con Intertextile.

e.f.
stats