Il retail non può permettersi altri stop

Acquisti di Natale: stime incoraggianti per la moda

Federazione Moda Italia-Confcommercio stima un incremento del 10% degli acquisti per i regali di Natale rispetto alle festività del 2019. Uno su due riguarderà la moda fra abbigliamento, maglieria, borse, scarpe e accessori.

La ripresa dei consumi del fashion c’è dunque stata: nel rush finale è emersa un’impennata di acquisti last minute, affrontata nei negozi con equilibrio e sicurezza. Restano tuttavia l’incertezza e la paura di nuove restrizioni, «palpabili tra gli operatori, che non potrebbero più sopportare anche economicamente nuovi stop», come osservano dall’organizzazione, che accorpa i commercianti di moda al dettaglio e all’ingrosso.

Renato Borghi, presidente della Federazione, commenta: «C’è più interesse per lo shopping nonostante qualche timore per le restrizioni, l’inflazione e i rincari di bollette e carburanti. Ma il ritmo delle vaccinazioni, gli opportuni accorgimenti e la coerente prudenza ci spingono a essere cautamente ottimisti rispetto al resto d’Europa, anche perché il settore non potrebbe permettersi nuove chiusure».

In occasione di questo Natale Federazione Moda Italia-Confcommercio ha lanciato la campagna di comunicazione (nella foto) “A Natale puoi…far brillare le città e fare acquisti con il cuore”, che vuole sensibilizzare i consumatori a comprare articoli a basso impatto ambientale, nei negozi di prossimità e di fiducia, contribuendo così a "illuminare" le proprie città.

e.f.
stats