Il sondaggio di Fashion magazine

Womenswear: i negozianti archiviano un'estate felice, ma il banco di prova è l’inverno

Dopo una stagione estiva in sensibile crescita, grazie al ritorno dei clienti in negozio e all’arrivo dei turisti da oltreconfine, i negozianti italiani sono ora alle prese con uno scenario delicato, che vede il costo dell’energia salire alle stelle, i prezzi dei beni di prima necessità lievitare, tra scenari instabili e timori di contrazioni nei consumi. Lo rivela il nostro sondaggio, che ha coinvolto un panel di top store in tutta Italia.

Ben il 52% degli intervistati ha chiuso le vendite della scorsa Spring-Summer incrementando il proprio business, mentre il 38% parla di situazione stazionaria e solo il 10% lamenta dei cali.

A dare slancio al business è stato sicuramente il ritorno dei turisti nelle località di mare e di montagna e nelle città d’arte, come raccontano i retailer, che hanno visto transitare nei loro negozi clienti in arrivo da ogni parte del mondo, fatta eccezione per Cina e Russia: il 46% indica infatti arrivi sostanziosi, anche se il 40% si aspettava una maggiore affluenza e solo il 14% ha visto pochi turisti.

Dopo stagioni all'insegna del casual, l'estate 2022 ha segnato il ritorno a uno stile più elegante, che ha premiato il bel vestire, complice una ritrovata vita sociale. Non a caso tra le merceologie più vendute, secondo il nostro sondaggio, ci sono al primo posto gli abiti per le cerimonie.

Per quanto riguarda i brand hit di stagione, Celine ed Elisabetta Franchi hanno conquistato il primo posto tra i marchi più venduti, mentre online si è imposto Jacquemus. Alla voce accessori è invece Saint Laurent a conquistare il primo posto nella graduatoria.

Alla voce nuove realtà da segnalare, invece, non emerge un nome vincente, ma una lista lunga di label pari merito quali David Koma, Denimist, Marine Serre, Ganni, Botter, Rotate, Casablanca, Anna October, Ramael, Laurence Bras, Chopova Lowena, Rave Review, Durazzi Milano e Andreadamo.

Dopo un'estate 2022 all'insegna del bel vestire, la tendenza prosegue anche nella Fall-Winter in corso: in primo piano l’immagine di una donna chic ed elegante, che ama il bel cappotto cappello in cashmere, la maglieria classica, il pantalone raffinato. Il gradimento va anche alle proposte di matrice fashion/contemporary e al mix and match di sport attitude e tailoring.

Oggi i dettaglianti devono fronteggiare uno scenario difficile, con il costo dell’energia salito alle stelle, i prezzi dei beni di prima necessità che lievitano e gli scenario politico-economici instabili. Si teme dunque un calo dei consumi.

È il momento di sfoderare le unghie e mettere a punto strategie mirate, puntando su un giusto mix and match di prodotti, facendo leva su servizi speciali al consumatore, investendo sempre più in multicanalità e shopping experience ad hoc.

Soprattutto, precisano gli intervistati, è necessario continuare a mettersi in gioco, perché gli imprenditori devono avere il coraggio di rischiare, anche in momenti difficili. Prova ne è il fatto che il 46% ha aumentato i budget per la prossima estate e il 40% li ha mantenuti invariati, mentre solo il 14% ha riferito di lievi cali.

Le iniziative dei negozianti più attivi e la versione completa della nostra Buyers’ Survey sono pubblicati su Fashion n.3 in versione sia cartacea che come e-paper su fashionmagazine.it.

Nella foto, un’immagine dello store Bonvicini a Montecatini Terme.

c.me.
stats