A Palazzo Meroni

Prima showroom direzionale per Tagliatore: «Uno spazio inclusivo-esclusivo nel cuore di Milano»

Tagliatore ha scelto Milano per l’apertura della sua prima showroom direzionale: il nuovo spazio si trova nel monumentale edificio di Palazzo Meroni in corso Italia 1, affacciato su piazza Missori.

La scelta della location in questo angolo a metà strada tra stile Liberty e Rococò non è casuale, come spiegano i vertici dell’azienda, che da sempre ama gettare ponti tra mondi diversi: l’idea è di trasformarlo in uno spazio inclusivo-esclusivo, che attraversi trasversalmente design, food, sport, cinema e musica, e che funga da pedana per il futuro sviluppo commerciale.

L’opening di House of Tagliatore si inserisce infatti in una strategia distributiva volta a rafforzare la presenza del brand, che conta oggi oltre 800 punti vendita multibrand tra Italia ed estero, soprattutto sui mercati internazionali, gestendo gli ordini dal capoluogo lombardo.

«La nostra è una storia di famiglia – commenta il direttore creativo Pino Lerario -. Con il tempo siamo cresciuti e ci siamo evoluti. Siamo un’azienda dalla vocazione sartoriale, che negli anni si è contraddistinta per l’autenticità e la minuziosa cura del dettaglio, caratteristiche riconosciute ad oggi in tutto il mondo».

«Milano – aggiunge l’imprenditore pugliese - è uno dei fulcri della moda, un crocevia globale di novità e di progetti riconosciuti a livello mondiale. Questo per noi è un ulteriore passo che si inserisce nel progetto di investimenti strategici, dove la showroom rappresenta il punto nevralgico per aprire le porte a nuovi scenari».

House of Tagliatore è un open space posto al terzo piano di Palazzo Meroni (realizzato tra il 1914 e il 1924) e si sviluppa su una superficie di 350 metri quadri. A firmare il progetto è lo Studio di Architettura Paolo Rizzo, che ha puntato ad amalgamare gli elementi storici dell’edificio e l’heritage del brand.

Tra i materiali utilizzati per lo spazio spiccano, oltre al legno, il Travertino Navona e il Bianco Carrara: il primo va a caratterizzare il grande open space, mentre il secondo è stato scelto per realizzare i tavolini della zona lounge, disegnati su misura.

Grande attenzione è stata data alla scelta degli arredi, affiancando icone del design italiano a complementi d’arredo disegnati e realizzati su misura per il marchio, come tavoli, appenderie e scaffalature.

a.t.
stats