In vista dell’edizione 122

Mipel scommette sul format dei tre giorni e dà appuntamento dal 18 al 20 settembre

Dopo i risultati della scorsa edizione, svoltasi dal 13 al 15 marzo scorso nell’ambito del format #BetterTogether, Mipel dà appuntamento per la prossima edizione, la numero 122, che si svolgerà dal 18 al 20 settembre prossimi a Fiera Milano Rho, sempre nel segno dell’”insieme è meglio”.

Il salone ripropone ancora una volta il format dei tre giorni lanciato lo scorso marzo: una riorganizzazione e un ripensamento per andare ancora più incontro alle esigenze del “new normal”, dettate da buyer e aziende associate. Il tutto verso un ulteriore efficientamento in termini di tempistiche, spese e produttività.

Come sottolinea un comunicato, la manifestazione resta un punto di riferimento per gli addetti ai lavori, testimoniato anche dai riscontri della scorsa edizione, che ha visto insieme anche le altre rassegne dedicata a moda e accessorio Micam, TheOne Milano, e Homi Fashion&Jewels Exhibition, parzialmente sovrapponibili nell’arco di cinque giorni, con un totale di 29.468 presenze, equamente ripartite tra Italia ed estero.

Un’offerta espositiva di oltre 1.400 brand e un programma denso di eventi, che ha affrontato argomenti come digitalizzazione, metaverso e i nuovi modi di fare retail e sistema.

Un format che dovrebbe ripetersi anche il prossimo settembre, con il Micam e TheOneMilano in programma dal 18 al 20 settembre e Homi Fashion&Jewels Exhibition dal 16 al 19.

«Nonostante la guerra scoppiata pochi giorni prima che ha portato all’assenza di molti operatori confinanti e le importanti ripercussioni post-Covid, siamo rimasti davvero entusiasti dell’ultima edizione di Mipel», è il commento di Franco Gabbrielli, presidente di Assopellettieri, l’associazione di categoria che in Confindustria rappresenta le imprese della pelletteria e organizzatrice di Mipel».

«Per settembre – prosegue - ci aspettiamo il ritorno del traffico dal Far-East e un’importante inversione di tendenza, nell’ottica del graduale ritorno alla normalità. La riduzione della manifestazione a tre giorni è frutto di un’attenta riflessione e analisi in cui, insieme ai colleghi di Micam e TheOne, abbiamo cercato di interpretare al meglio i segnali intorni a noi. Ottimizzare gli ingressi, lasciare più spazio agli imprenditori, lavorare in modo smart e concentrato così da poter offrire ancora più occasioni di networking: questi i nostri obiettivi sempre nell’ottica di fare sistema e dare voce alle eccellenze del Made in Italy».

c.me.
stats